logo comunale logo 150

Bruart, 50 anni di arte a Brugherio.

Data dell'evento: 27 febbraio - 20 marzo 2016
Luogo dell'evento: Galleria espositiva di Palazzo Ghirlanda Silva
icona per la stampa della pagina

Nel ricco programma delle iniziative dedicate al 150° della fondazione del Comune di Brugherio, non poteva certamente mancare questa mostra, che permetterà a tutti di conoscere una parte del prezioso patrimonio artistico custodito e recuperato nella casa comunale. Anzi, possiamo proprio dire che BruArt è l'esempio perfetto di come intendiamo vivere questo anno dedicato alle celebrazioni del 150°.

BruArt, ci consente infatti di prendere coscienza di uno dei temi, quello dell'arte e della ricerca del bello, che da sempre caratterizza la storia di Brugherio, come evidenzia Laura Valli nella sua introduzione.

BruArt intende valorizzare un patrimonio che si configura come una vera e propria "collezione pubblica", la cui importanza è di potenziale richiamo per appassionati ed occhi esperti. Una collezione poco conosciuta agli stessi brugheresi, che avranno modo di vedere queste opere, finalmente riunite nello splendido scenario della Galleria Esposizioni di palazzo Ghirlanda Silva.

Questa mostra vuole riaffermare il senso di appartenenza alla nostra comunità e le opere esposte rappresentano la cura e la passione che tanti artisti hanno messo, lasciando "un segno tangibile" della loro presenza nella vita e nella storia di
Brugherio.

Infine, BruArt, ci porta a riflettere sul futuro della nostra città, poiché la cultura è un fattore di sviluppo per Brugherio. Ragion per cui proseguiamo con il percorso delle attività espositive, dopo anni di pausa, e sempre per questo insistiamo nell'investimento di risorse economiche nella cultura, contrariamente a chi ritiene che in tempi difficili si debbano effettuare tagli in questo settore.

Valorizzare la nostra storia e ciò che abbiamo, rilanciare il senso di appartenenza, riflettere sul futuro: sono proprio questi gli elementi attorno ai quali abbiamo costruito il progetto dei festeggiamenti del 150°. E allora godetevi e lasciatevi sorprendere da BruArt e da tutte le altre iniziative di questo anno. Perché abbiamo un grande bisogno, tutti insieme, di riconoscere le enormi potenzialità della nostra città, così da proiettarci nel nostro futuro con grande
determinazione.

il Sindaco
Antonio Marco Troiano

BruArt è un sogno che si realizza. Questa mostra, dedicata al patrimonio artistico comunale e alla storia espositiva cittadina, è la prima bellissima pagina di un libro che -nell'anno del 150° di fondazione del Comune- consentirà di valorizzare uno dei tratti distintivi della nostra comunità: l'essere un laboratorio artistico vivo e ricco di idee, di incontri e di ricerca.

A partire dal soggiorno brugherese di Filippo De Pisis, sono molteplici gli artisti che hanno fatto germogliare nel tessuto culturale cittadino quella particolare sensibilità per l'arte che, fin dagli anni Sessanta, ha delineato una lunga stagione creativa ed espositiva: dal Primo Premio Brugherio del 1966, in occasione del centenario del Comune, alla feconda stagione della Comunità d'Arte dei primi anni Settanta, dallo Studio d'Arte Tre Re alle varie mostre collettive e antologiche, fino alla più recente Arte in Comune e al rilancio delle attività espositive di questiultimi anni.

Questa mostra prosegue e consolida l'impegno di dare forma e contenuti alla valorizzazione del patrimonio artistico comunale. Si è cominciato con il recupero e il censimento di tutte le opere acquisite dal Comune di Brugherio nell'arco di 50 anni: la maggior parte collocate negli uffici comunali o nelle piazze cittadine, ma molte sepolte sotto strati di polvere e dimenticate in qualche armadio o magazzino.

Ognuna di esse -più di cento- è stata analizzata, catalogata e digitalizzata. Attraverso lo studio delle relative fonti documentarie, si è riusciti in molte occasioni a ricostruire la storia dell'opera e la biografia artistica degli autori, nelle loro relazioni con la città di Brugherio. Un lavoro certosino e di grande spessore storico, artistico e documentario che -come l'originale e suggestivo allestimento della mostra- è stato interamente svolto grazie alla appassionata competenza dell'Ufficio Cultura e al prezioso supporto di due giovani collaboratori post universitari.

L'obiettivo ambizioso e finale è quello di mettere a disposizione della cittadinanza tutto questo importante patrimonio per fare di BruArt un 'museo virtuale', nonché un evento civico di democrazia e partecipazione, capace non solo di ripercorrere le stagioni artistiche della città, ma, per la prima volta, di restituire ai cittadini e alle cittadine ciò che appartiene loro: le opere, in primo luogo, ma soprattutto il racconto corale di una città che da più di cinquant'anni coltiva Arte e Bellezza.

l'Assessora alle Politiche Culturali e Partecipazione
Laura Valli

Allegati:

Pieghevole mostra
Manifesto mostra in formato pdf