logo comunale logo 150

Cittadini del mondo artigiani di pace e giustizia

Data dell'evento: 9, 10, 12, 14 e 15 maggio
Luogo dell'evento: Cinema San Giuseppe via Italia 76 - Biblioteca civica via Italia 27 a Brugherio
icona per la stampa della pagina

A Brugherio la tredicesima edizione della Festa dei Popoli sotto l'egida della Croce di Lampedusa.

L'appuntamento dell'anno che fa incontrare culture e fedi diverse. Tanti gli eventi in programma venerdì 13, sabato 14 e domenica 15 maggio all'Area Feste di via Aldo Moro.

«Una Chiesa in uscita con papa Francesco è chiamata a costruire "ponti e non muri"».

II Parroco Don Vittorino Zoia

 

«Nell'anno del 150° del Comune di Brugherio, la Festa dei Popoli è un'altra occasione per riflettere sulla nostra identità, per immaginare che tipo di comunità, di relazioni, di convivenza vogliamo per il futuro dei nostri figli e per disegnare insieme il volto di una città che affronta le sfide del presente con il coraggio di riconoscere la ricchezza delle sue diversità. Una città così plurale e coesa, aperta e accogliente, che sa pensare al presente e al futuro di tutti, che sa mettersi in gioco per non lasciare indietro nessuno e nella quale ciascuno fa la sua parte per renderla migliore non può che far bene a tutti».

II Sindaco Marco Troiano


«Nell'anno del 150° del Comune di Brugherio, la tredicesima edizione della Festa dei Popoli “Cittadini del mondo, artigiani di pace e giustizia” -insieme alle diverse iniziative che la precedono e a quelle che si sono svolte nel corso dell'anno- assume un significato e un valore davvero importanti. Da una parte quello di riannodare i fili della memoria, diffondendo il senso di identità e di appartenenza a una storia comune, dall'altra quello di riflettere sul presente di una comunità che nel tempo ha saputo cambiare ed evolversi, e che in tante occasioni ha dimostrato -contro ogni tentativo di risvegliare paure e pregiudizi- di saper essere accogliente e solidale.

Quando Brugherio, verso la fine di questo intenso anno del 150°, conferirà la cittadinanza onoraria ai bambini stranieri, sarà allora un gesto dal forte significato simbolico per dire che anche loro fanno parte di questa comunità e hanno diritto di cittadinanza, perché qui sono nati, qui vivono, fanno sport, studiano, giocano e qui diventeranno adulti, senza sentirsi estranei.

Non si tratta di “buonismo”, quel facile slogan con cui si cerca di liquidare un cambiamento d'epoca che -è chiaro a tutti- Brugherio non può impedire, né nascondere. Si tratta di decidere se vogliamo anacronisticamente “subire” il cambiamento, assecondando chi alimenta la paura e la difesa ad oltranza di ciò che è “nostro”; oppure se vogliamo coglierne le opportunità, prendendo attivamente in mano, ognuno per la sua parte, le sorti della città, riconoscendo a tutti coloro che vi abitano l'appartenenza alla medesima comunità e il diritto-dovere di partecipare alla sua costruzione. In quest'ottica allora, la Festa dei Popoli raccoglie i frutti di ciò che nel resto dell'anno si semina e diventa la festa di tutti coloro che si sentono “cittadini del mondo”; una festa che, oltre alla convivialità e al piacere di stare insieme, implica l'impegno quotidiano che ciascuno è disposto a mettere, dentro le associazioni e le istituzioni, per rendere migliore la nostra città.

Una Brugherio così -plurale e coesa, aperta e accogliente, che sa pensare al presente e al futuro di tutti i bambini, che pone al centro le persone, che sa mettersi in gioco e fare rete per non lasciare indietro nessuno- non può che far bene a tutti»».

Laura Valli

Assessora alle Politiche culturali e alla Partecipazione

 

Come per le precedenti edizioni, la Festa dei Popoli si preannuncia quale perfetto esempio d’integrazione sociale e culturale con la popolazione brugherese che partecipa sempre numerosa per accogliere festosamente i tanti aspetti positivi che la migrazione porta con sé: multietnia, scambio, cultura, dialogo, relazioni, folklore, colore, allegria racchiusi tutti in un’unica parola: multicultura.

È dal 2003 che l’evento si caratterizza come “festa”, perché l’accoglienza è proposta come occasione per vivere la mondialità con spirito positivo e ottimista.

Accanto agli organizzatori “storici” in stretta collaborazione tra loro - Comune di Brugherio, Comunità Pastorale Epifania del Signore, Caritas, Andes, Amici dal Mondo, CRI e tante altre realtà locali - anche questa edizione darà vita a momenti di incontro, di festa e di sensibilizzazione sui temi dell'intercultura e della solidarietà.

Con lo slogan “Cittadini del mondo: artigiani di pace e giustizia”, la festa entrerà nel vivo nel lungo weekend dal 13 al 15 maggio all’Area Feste di via Aldo Moro, preceduto da significative tappe di avvicinamento (9, 10, 12 maggio).

Ma ciò che renderà questa 13esima edizione davvero unica e indimenticabile sarà la presenza della Croce di Lampedusa, tanto tacita quanto inesorabile testimonianza delle recenti tragedie avvenute nel mar Mediterraneo.

In allegato tutte le locandine che permetteranno al lettore di prendere visione della ricca articolazione degli eventi.

INFO: Ufficio Istruzione del Comune di Brugherio – tel: 039 2893.391/271 – e-mail: istruzione@comune.brugherio.mb.itwww.comune.brugherio.mb.it




Aspettando la “Festa dei Popoli” edizione 2016

Il 9, 10, 12 maggio le tre tappe di avvicinamento. Il 14 e 15 maggio la Croce di Lampedusa farà tappa a Brugherio

Cittadini del mondo - Artigiani di pace e giustizia

13 volte Festa dei Popoli!

Senza ombra di dubbio è possibile affermare che per Brugherio il mese di maggio è il mese della mondialità, un’ulteriore occasione per promuovere l'integrazione delle famiglie non italiane in modo che si sentano sempre più parte attiva della nostra comunità.

E’ infatti ai nastri di partenza l’importante Festa - nata dalla collaborazione tra il Comune di Brugherio e gli organizzatori “storici”, quali la Comunità Pastorale Epifania del Signore, Caritas, Andes, Amici dal Mondo - che anche quest'anno darà vita a momenti di incontro, di festa e di sensibilizzazione sui temi dell'intercultura e della solidarietà.

“Cittadini del mondo: artigiani di pace e giustizia” è lo slogan dell’edizione 2016, che si terrà dal 13 al 15 maggio all’Area Feste di via Aldo Moro, e che sarà preceduto da tre tappe di avvicinamento, quelle di “Aspettando la festa dei popoli”, in programma il 9, 10 e 12 maggio.

Eccole:

  • Lunedì 9 maggio,alle ore 21:15, al Cineteatro San Giuseppe di Brugherio in via Italia 76, sarà proiettato il documentario di Gianfranco Rosi “FUOCOAMMARE”, vincitore dell’Orso d’oro al Festival di Berlino 2016, realistico resoconto sull’isola di Lampedusa e gli sbarchi di migranti, una pellicola che introduce lo spettatore nel vivo di una delle tragedie più toccanti dell’inizio di questo secolo.Una sala cinematografica o, forse, un semplice porto a cui approdare con i nostri pregiudizi e da cui salpare verso nuove mete, nuove terre inesplorate, una nuova visione del mondo fatta di emancipazione e integrazione attraverso l’accoglienza di una diversità lontana ma al tempo stesso vicina, un’uguaglianza che ci conduce lungo le coste di Lampedusa” (Michele Di Corato) Ingresso 5 euro
  • Martedì 10 maggio, alle ore 21, sempre al Cineteatro San Giuseppe, nell’ambito della Rassegna “FuoriPista 2016”, andrà in scena lo spettacolo-concerto dell’Associazione culturale Alma Rosé CITTADINI IN TRANSITO”,di e con Manuel Ferreira e Elena Lolli. La pièce presenta le vicende di seconde generazioni, di chi è nato in Italia da genitori stranieri o ci è cresciuto, che si interroga sulla propria identità. L'Italia li definisce i "nuovi italiani", perché fra il diciottesimo e il diciannovesimo anno hanno il diritto di chiedere la cittadinanza. Cittadini italiani, insomma, ma non legalmente, almeno non in automatico. Posto unico 10 euro. Riduzione 8 euro.
  • Giovedì 12 maggio, alle ore 21, presso la Biblioteca Civica in via Italia 27, incontro con Alberto Vitali,responsabile della Pastorale Migranti della Diocesi di Milano, sul tema “LE RAGIONI DELL’ACCOGLIENZA”. Modera Paolo Polvara.

Sabato 14 e domenica 15 maggio arrivo in città della “Croce di Lampedusa”, simbolo delle tragiche traversate dei migranti. Alta 2.80 metri e larga 1.50, è stata costruita con il legno dei barconi su cui viaggiano i migranti provenienti dalla Libia. L'iniziativa è nata il 9 aprile 2014 quando papa Francesco, dopo averla benedetta in piazza San Pietro, ha chiesto di portarla “ovunque” lungo l’Italia.

Nell'allegato tutti gli eventi nel dettaglio.

INFO: Ufficio Istruzione del Comune di Brugherio – tel: 039 2893.391/271 – e-mail: istruzione @comune.brugherio.mb.it – www.comune.brugherio.mb.it

Protocollo d'Intesa tra il Consolato dell'Ecuador a Milano ed il Comune di Brugherio

 All'interno del ricco calendario di eventi che, come sempre, accompagnano la Festa dei Popoli brugherese, domenica 15 maggio - ore 18:30, all'Area Feste di via Aldo Moro - verrà firmato il Protocollo d'Intesa tra il Consolato dell'Ecuador a Milano, nella persona del Console in carica, Avv. Maria Gabriela Vera Basurto, ed il Comune di Brugherio, nella persona del Sindaco Antonio Marco Troiano, a sostegno delle famiglie e dei minori ecuadoriani.

In caso di maltempo, il protocollo verrà firmato presso l'Oratorio San Giuseppe di via Italia 76.