logo comunale

Brugherio celebra il 25 aprile e i 70 anni della Carta Costituzionale

Data dell'evento: icona per la stampa della pagina

25 Aprile 1945 – 25 Aprile 2018 Brugherio celebra i 73 anni di liberazione Tutti i cittadini sono invitati a partecipare

Il 25 aprile è una data essenziale della nostra storia, è la data in cui l'Italia ha ritrovato la libertà dalla dittatura nazifascista attraverso l'impegno collettivo di tanti suoi cittadini mobilitati nella Resistenza e il sacrificio di tanti giovani arrivati nel nostro Paese con le forze degli Alleati. Ricordare il 25 aprile è utile anche per riflettere su come custodire la libertà, ma soprattutto su come rinnovarla costantemente, ripensandola.

La Liberazione compie dunque 73 anni, e l'Amministrazione comunale invita i cittadini a partecipare alle manifestazioni come da programma a seguire:
ore 8:30 Santa Messa nella Chiesa Parrocchiale San Bartolomeo in suffragio dei Caduti per la Libertà
ore 10:00 Corteo Percorso per le vie cittadine
ore 11:30 Nel cortile del Palazzo Municipale (piazza C. Battisti 1) interventi di Carlo POLVARA dell'A.N.P.I. della Sezione locale e di Marco TROIANO, Sindaco del Comune di Brugherio.
Partecipa il Corpo Musicale San Damiano – Sant'Albino

Per saperne di più

Il significato della festa del 25 Aprile
La scelta di questa data è simbolica, perché si commemora il 25 aprile 1945, ovvero il giorno in cui il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia (CLNAI), con sede a Milano e guidato tra gli altri da Sandro Pertini, che oltre trent'anni dopo divenne Presidente della Repubblica, proclamò l'insurrezione in tutti i territori ancora occupati dai nazifascisti.

In sostanza, in quella data venne indicato alle forze partigiane di passare all'azione colpendo i presidi fascisti e tedeschi ancora presenti e imponendo loro la resa, prima dell'arrivo degli Alleati.

Le celebrazioni per ricordare il 25 aprile vennero istituite su proposta del presidente del Consiglio Alcide De Gasperi.

Fu addirittura il principe Umberto II, allora luogotenente del Regno d'Italia, a proclamare la festa del 25 aprile, emanando un decreto legislativo luogotenenziale. Era il 22 aprile 1946, ma si dovettero attendere altri tre anni, a maggio del 1949, perché con la legge 260 titolata "Disposizioni in materia di ricorrenze festive" venisse istituzionalizzato il 25 aprile come festa nazionale.

In seguito, dunque, ogni anno vengono tenute celebrazioni istituzionali per ricordare quella data che sancisce simbolicamente appunto la vittoria della Resistenza partigiana contro gli occupatori nazifascisti.

Alle cerimonie commemorative presenziano sia gli amministratori comunali in special modo i sindaci che i rappresentanti delle associazioni che riuniscono i partigiani e soprattutto i loro eredi, come l'ANPI, l'associazione nazionale partigiani italiani, che negli ultimi anni ha vissuto un rinnovamento interno, proprio per garantire che la memoria di quegli eventi non andasse dispersa in seguito al decesso di chi aveva combattuto in prima linea contro il nazifascismo. (Gabriele Mastroleo)

A scuola di Costituzione: L’Anpi di Brugherio in classe per celebrare i 70 anni della nostra Carta

La nostra Carta Costituzionale compie 70 anni: il 22 dicembre 1947 l'Assemblea Costituente la approvava; il 27 dicembre il presidente provvisorio della Repubblica Enrico De Nicola la firmava e promulgava; il 1° gennaio 1948 il suo testo veniva ufficialmente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

In occasione di questo importante anniversario, l'Anpi di Brugherio torna nelle scuole medie della città con lo scopo di stimolare particolarmente l'attenzione sui valori e sui principi che i Padri e le Madri costituenti elaborarono nel documento della nostra Costituzione.

Si parlerà della nascita della Carta con una particolare riflessione sul significato dei valori che si esprimono nei diritti e nei doveri da essa sanciti, sulla convivenza civile, sull'importanza della democrazia e della pace, sul rispetto della dignità umana, sugli ideali di fratellanza e solidarietà.

Saranno occasioni importanti per avvicinare i ragazzi ai valori civili e civici, stimolando l'importanza dei principi della legalità, uguaglianza e parità, attraverso la proiezione di filmati, interventi di testimoni, commenti su alcuni articoli della Costituzione.

L'Anpi Brugherio farà il suo ingresso il 26 aprile alla Scuola Media De Filippo per proseguire il 27 aprile alla Leonardo da Vinci e terminare l'11 maggio alla Kennedy.

Info: anpibrugherio@gmail.com – YouTube: Anpi Brugherio – Fb: Anpi Brugherio

A cura del Corpo Musicale San Damiano - Sant’Albino & Anpi Brugherio Concerto celebrativo per i 70 anni della Costituzione

Martedì 24 aprile alle 21 al Teatro San Giuseppe Ingresso libero

L'ANPI (Associazione Nazionale Partigiani Italiani) di Brugherio lo aveva annunciato nel corso dell'assemblea dello scorso 24 febbraio dedicata al 70esimo anniversario della Carta Costituzionale ed ora eccoci in dirittura d'arrivo.

Stiamo parlando del Concerto celebrativo dell'importante anniversario organizzato dal Corpo Musicale San Damiano Sant'Albino in collaborazione con l'Anpi locale in programma martedì 24 aprile, alle 21, al Teatro San Giuseppe di via Italia 76.

Nel corso della serata verrà proposto un percorso attraverso gli articoli cardine della nostra Costituzione interpretati con musiche di compositori quali J. de Haan, J. Van Der Roost e G. Rossini sotto la direzione del Maestro Davide Maniscalco.

Per saperne di più

Nel corso dell'assemblea locale dello scorso 24 febbraio, due cittadini brugheresi erano stati insigniti della tessera ad honorem della sezione Anpi.

Si tratta di Luciano Modigliani, 89enne, reduce dai campi di sterminio tedeschi e già conosciuto come testimone della sua terribile esperienza nelle scuole e Francesco Rigamonti, 94enne, che fu fatto prigioniero dai tedeschi sul fronte albanese per essersi rifiutato di collaborare con i nazifascisti e poi liberato dagli americani, passando quasi due anni nel campo di detenzione di Dortmund.

Nota curiosa, l'Anpi per puro caso aveva incontrato lo scorso anno Rigamonti al mercato venendo così a conoscenza del suo vissuto.

Info:
www.bandasandamiano.it e la pagina facebook dell'associazione - info@bandasandamiano.it
anpibrugherio@gmail.com – YouTube: Anpi Brugherio – Fb: Anpi Brugherio

COMUNICATO STAMPA a cura del Corpo Musicale S.Damiano S.Albino e di ANPI Sezione Brugherio

I brani musicali di questo concerto, particolarmente significativi e toccanti, caratterizzano innanzitutto alcuni avvenimenti storici di rilievo in un percorso che va dall'Unità d'Italia all'entrata in vigore della Costituzione repubblicana.

Dopo il notevole concerto tenuto nel 2011 in occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia, il Corpo Musicale S. Damiano S. Albino si misura, dando prova di intenso impatto emotivo e di elevata qualità artistica, con un altro appuntamento fondamentale per la Comunità italiana: il 70° anniversario della Carta Costituzionale.

Il concerto, patrocinato dal Comune di Brugherio, si realizza per l'incontro e l'efficace collaborazione di due associazioni di volontariato operanti nella nostra città.

Da una parte il Corpo Musicale S. Damiano S. Albino, istituzione storica brugherese di grande impegno culturale, che gestisce una prestigiosa scuola di musica per giovani e adulti, accompagna le manifestazioni pubbliche, civili e religiose e che intrattiene periodicamente i cittadini in memorabili concerti e attività musicali.

Dall'altra la Sezione ANPI di Brugherio, Ente Morale presente sul territorio a partire dalla Liberazione, che fa della difesa, della diffusione della conoscenza, della applicazione completa della Costituzione uno dei suoi punti principali di iniziativa.

Nella seconda parte del concerto i brani illustrano alcuni articoli sui principi generali della Carta Costituzionale. Questo appuntamento è dunque un contributo prezioso, in forma artistica, alla consapevolezza che questo Documento, Legge fondamentale dello Stato Italiano, entrato in vigore il 1° gennaio 1948, nel quale sono fissati i diritti e i doveri dei cittadini e le regole di libertà e democrazia per la convivenza civile nel nostro paese, costituisce uno dei punti più forti di identità, di coesione, di appartenenza alla comunità nazionale.

E' un contributo prezioso alla consapevolezza che la Costituzione proviene dal Movimento di Resistenza sviluppatosi in Europa durante la seconda guerra mondiale, contro il nazifascismo in nome della libertà. In Italia, con la Liberazione dal nazifascismo, si è manifestata in particolare una forte volontà di riscatto individuale e collettivo, una forte volontà di cambiamento epocale della società e dello Stato.
Questo in definitiva è il senso della Costituzione repubblicana ed anche del concerto.

In tempi difficili e complessi come il nostro, l'identità, lo spirito unitario, l'impegno civile provengono da questo patrimonio costruito con tanti sacrifici. Esprimendo stima, rispetto, riconoscenza a coloro che ce lo hanno trasmesso, concerti come questo, spiritualmente, culturalmente e umanamente ricchi, ci invitano e ci esortano a proseguire con coraggio un cammino di pace, di progresso e di cooperazione, seppure non privo di problemi e di criticità.

Si tratta in definitiva di uno spettacolo non accademico, non effimero, ma strutturale e portante per quanto riguarda la cultura musicale e nello stesso tempo la democrazia e la libertà.

Martedi 24 aprile 2018, ore 21.00 – Teatro S. Giuseppe, Via Italia 76 – Brugherio (MB)

Per il Cinecircolo "Robert Bresson 2017/2018" – seconda parte “Una questione privata”

Mercoledì 25 aprile alle ore 21 e giovedì 26 aprile alle ore 15 al Cinema San Giuseppe in via Italia 76 a Brugherio

Per il "Cinecircolo Robert Bresson 2017/2018 – seconda parte", mercoledì 25 aprile (ore 21) e giovedì 26 (ore 15) verrà proiettato il film drammatico di Paolo e Vittorio Taviani "Una questione privata", con Luca Marinelli, Lorenzo Richelmy, Valentina Bellè, Francesca Agostini, Jacopo Olmo Antinori. Anno: 2017. Nazioni: Italia, Francia.
Liberamente tratto dal capolavoro di Beppe Fenoglio, i Taviani affrontano "Una questione privata" con il piglio autoriale che deriva loro da una lunga militanza cinematografica e da una conoscenza profonda della seconda guerra mondiale e della lotta partigiana.

Il film ha ottenuto 1 candidatura a David di Donatello.

LA TRAMA - Tornando alla villa dove ha conosciuto l'amata Fulvia, il partigiano Milton scopre che forse fra lei e il suo migliore amico Giorgio, anche lui combattente, potrebbe essere nata una storia d'amore. Nel tentativo di ricevere da Giorgio un chiarimento, Milton intraprende un viaggio attraverso il paesaggio verde e nebbioso delle Langhe che è anche un percorso di conoscenza: di se stesso, dell'animo umano e della barbarie insensata della guerra.

I Taviani raccontano il tempo di guerra rifiutando di concentrarsi sull'azione bellica e depurando la Storia di tutto ciò che è ridondante, per lasciare i protagonisti nudi di fronte alla desolazione e all'orrore.
la narrazione cinematografica di Una questione privata procede per episodi chiave, momenti e personaggi che incarnano la Storia e la condizione umana nella sua essenza. Il più folgorante è l'incontro di Milton con i genitori, scena muta di straziante intensità, riassunto senza parole del cordoglio di tante famiglie che hanno visto scomparire i propri figli inghiottiti dalla guerra, conservando a stento la speranza di rivederli vivi, anche per un solo, fugace istante.(da https://www.mymovies.it/film/2017/unaquestioneprivata/)