logo comunale

Coronavirus: notizie, indicazioni e comportamenti da seguire

Data dell'evento: da Domenica 23 febbraio 2020 icona per la stampa della pagina

Provvedimenti notizie e informazioni in merito al Coronavirus

AGGIORNAMENTO 30 MARZO - ore 09.00

LA SETTIMANA DELLA SVOLTA

Buongiorno e buon inizio di settimana!

Inizia una settimana importante, per tanti ragioni diverse.

E' una settimana importante, ci dicono gli esperti, per capire se davvero i segnali incoraggianti degli ultimi giorni rispetto al numero di contagi e di accessi agli ospedali saranno confermati e si stabilizzeranno, confermando così l'efficacia delle misure messe in campo.

A proposito di numeri, quelli di ieri della Prefettura ci dicono che a Brugherio siamo arrivati a 101 persone che sono risutate positive (e che, come vi ho scritto altre volte, sono in condizioni diverse: in ospedale in situazione critica, in ospedale, a casa per proseguire la cura, a casa per completare il percorso di guarigione) e abbiamo anche 129 persone in sorveglianza attiva.

E' una settimana importante anche proprio rispetto alla proroga delle misure, perchè in questi giorni il Governo deciderà per quanto tempo confermare le scelte finora prese, che hanno una scadenza fissata al momento per venerdì 3 aprile.

Ma è una settimana importante anche perchè iniziano ad arrivare i provvedimenti attuativi del decreto "Cura Italia".

Come sapete, il decreto ha previso misure di sostegno alle famiglie e ai lavoratori: dal congendo parentale all'aumento dei giorni di permesso per la legge 104, oppure il bonus da 600 euro per l’acquisto di servizi di baby-sitting, senza ovviamente dimenticare le misure a sostegno del reddito previste per la sospensione o riduzione dell'attività lavorativa.

Ci sono anche le misure sui mutui e per gli autonomi, e tante altre indicazioni importanti che ci aspettiamo, a partire dalle risorse per il fondo di solidarietà comunale che ci aiuteranno per distribuire provviste alimentari alle famiglie.

E' questa una settimana importante anche per i chiarimenti rispetto alle attività produttive, commerciali ed artigianali, che dovrebbero avere un chiarimento rispetto a chi può fare o meno le consegne a domicilio.

Insomma, una settimana che da una parte ci chiederà di mantenere forte la barra sulle misure che impediscono la diffusione del coronavirus, ma nello stesso tempo ci aiuta anche ad avere un quadro più chiaro delle misure di supporto a chi ne ha bisogno in questo momento.

A proposito di supporto, riparte ora l'attività di #dimmidicosahaibisogno che, come vi ho anticipato nella diretta di venerdì, potrebbe arricchirsi di altri servizi dei quali vi parlerò prossimamente.

Ci aspetta un grande lavoro anche questa settimana, insomma... che come sempre vi racconterò passo dopo passo.

Buona giornata!

Il Sindaco

 



AGGIORNAMENTO 29 MARZO - ore 19.30

GRAZIE E... OCCHIO!

Buonasera!

La prima parola che voglio scrivervi stasera è proprio quella che dà il titolo al post: GRAZIE!

Grazie davvero perchè questo è stato un weekend che, ancora una volta, ha dimostrato il cuore grande della città.

Ieri più o meno a quest'ora ho lanciato, come avvenuto in tutta la Provincia, un "appello" per la raccolta delle maschere da snorkelling di marca Decathlon che possono essere trasformate in maschere per la ventilazione respiratoria.

Ho passato la mattinata di oggi a rispondere alle oltre tante mail ricevute da cittadini che si sono immediatamente resi disponibili a donare la loro maschera. Vi ho risposto che la Provincia ha già raccolto il numero necessario e vi ho anche chiesto di tenerla pronta, nel caso di una seconda richiesta. Ma intanto grazie, davvero!

Grazie a chi mi ha scritto perchè "scalpita" a stare a casa e vorrebbe poter essere utile per le persone più in difficoltà.

Grazie a chi ha chiesto informazioni su una raccolta straordinaria o una sorta di "spesa sospesa" per chi è entrato in difficoltà a causa della chiusura delle attività produttive, artigianali o commerciali.

Grazie a chi ci ha segnalato in maniera riservata casi di famiglie che per dignità non vogliono dire di essere in difficoltà ma lo sono davvero.

Come sapete, il Governo ha anticipato ieri un provvedimento importante, che consentirà ai Comuni di spendere in maniera rapida risorse aggiuntive per far fronte a queste situazioni.

Attendiamo il decreto del Governo per valutare con attenzione, insieme alle tante realtà che già ordinariamente fanno questa attività in città (e che si stanno impegnando anche in queste settimane), come lavorare su questo.

Ne parleremo nei prossimi giorni di sicuro, ma voi intanto se volete segnalarmi situazioni difficili di questo tipo, anche di persone che sapete non lo vogliono dire, scrivetemi una mail a troiano@comune.brugherio.mb.it; vi ho già scritto altre volte che è una mail che leggo solo io, quindi scrivete senza farvi problemi.

Tutti questi GRAZIE che vi ho scritto valgono, insomma, per tutte le persone che ci stanno mettendo il cuore per affrontare questa situazione, e non voglio dimenticare i ragazzi della scuola autori del video che vi ho postato stamattina e che tanto vi è piaciuto.

Ma purtroppo sappiamo che anche in momenti come questi c'è chi tenta di approfittarne.

E quindi la seconda foto del post è un invito a fare attenzione a questo falso volantino, che ha una falsa carta intestata del Ministero dell'Interno, che invita eventuali non residenti degli stabili a lasciare le abitazioni che li ospitano.

La Polizia ha chiarito che è un falso, che potrebbe essere l'astuta mossa di qualche malintenzionato per entrare nelle le case in questo periodo di emergenza.

E ha invitato a segnalare alle forze di Polizia la presenza del volantino stesso e ovviamente a NON aprire a nessuno che dovesse presentarsi per questi controlli.

E quindi occhio, mi raccomando!

Buona serata!

Il Sindaco

 




AGGIORNAMENTO 29 MARZO - ore 08.30

Buona domenica!

 

Oggi iniziamo la giornata con la condivisione di una iniziativa davvero bella.

 

La 3A della Corridoni ha voluto ringraziare medici, infermieri, operatori sanitari e volontari, che ogni giorno mettono a rischio la loro vita per salvare quella degli altri.

 

Lo hanno fatto con tanti disegni, montati poi in un video che è stato mandato all'ASST di Monza e quindi "idealmente" a tutti quelli che lavorano in queste strutture.

 

Il direttore generale dell'ASST ha risposto a questa mail scrivendo che "queste manifestazioni di solidarietà ci aiutano e ci spronano ad affrontare con coraggio e determinazione questa complessa emergenza".

 

E allora, ricordandoci che il modo migliore che abbiamo per aiutare chi segue l'emergenza sanitaria è quello di stare a casa, vi lascio con le parole dei ragazzi della 3A: "Il loro potere straordinario è il coraggio; le loro armi, la professionalità, la competenza, la compassione. A loro dedichiamo questa primavera, a loro urliamo GRAZIE!!!"

https://www.youtube.com/watch?v=Z3UXitUyT4U


Il Sindaco


AGGIORNAMENTO 28 MARZO - ore 19.30

"E NOI COSA POSSIAMO FARE?"

Buonasera!

Il titolo di questo post deriva da un commento di una cittadina durante la mia diretta di ieri sera.

Mi ha chiesto cosa possono fare ancora di più i cittadini, ovviamente da casa, per dare una mano a chi sta gestendo l'emergenza coronavirus.

Ho scritto in risposta al commento che ci avrei pensato in questo weekend, e intanto vi lancio due richieste che sono molto concrete ma altrettanto importanti.

La prima può coinvolgerci tutti: in tutti i Comuni della Provincia oggi rilanciamo l'invito a donarci, se le avete a casa, le maschere da snorkelling di marca Decathlon come quelle nella foto del post.

Avrete probabilmente letto la notizia che queste mascherine possono essere riconvertite in maschere per la ventilazione respiratoria, grazie ad una valvola brevettata dalla azienda Isinnova di Brescia e stampata in 3D dalla azienda Indastria di Concorezzo.

In questo modo ci sono più strumenti a disposizione degli ospedali per ossigenare i pazienti ricoverati con problemi respiratori.

Se avete a casa questa maschera, sciveteci a segreteria.sindaco@comune.brugherio.mb.it e ci organizzeremo per recuperarle... e grazie in anticipo!

La seconda richiesta, che riguarda magari qualche attività produttiva del territorio, è quella di rispondere all'appello della Regione per la produzione di mascherine e altri dispositivi di protezione individuale, come previsto dal decreto "Cura Italia" del Governo.

Qui ci sono tutte le info, guardatele con attenzione perchè sono richieste specifiche molto tecniche: https://bit.ly/2vV6zhk

Buona serata!

Il Sindaco



AGGIORNAMENTO 28 MARZO - ore 09.30

NESSUNO SI SALVA DA SOLO

E' stato un intenso e speciale "passaggio di testimone", quello di ieri sera, tra Papa Francesco ed il Presidente Mattarella.

Prima la preghiera del Papa in una piazza San Pietro deserta e inaccessibile per la prima volta, poi il videomessaggio del Presidente. Le loro parole toccano la sensibilità di tutti noi, credenti o non credenti. E ci parlano forte, in questi giorni difficili che viviamo.

Il Papa che cammina a passi incerti verso la basilica ed il Presidente che si sistema il ciuffo ribelle dei capelli danno la dimensione dell'umanità che hanno messo poi nelle parole che ci hanno voluto trasmettere.

Quasi fossero d'accordo, il Papa ci ha ricordato che "Siamo andati avanti a tutta velocità, non ci siamo fermati davanti alle guerre e alle ingiustizie, pensando di restare sempre sani in un mondo malato".

Il Presidente ci ha chiesto il permesso di poter tornare nelle nostre case, per dirci anzitutto che "Stiamo vivendo una pagina triste della nostra storia. Abbiamo visto immagini che sarà impossibile dimenticare. Alcuni territori – e in particolare la generazione più anziana - stanno pagando un prezzo altissimo".

E ancora insieme hanno concluso allo stesso modo: il Presidente per dirci che "abbiamo altre volte superato periodi difficili e drammatici. Vi riusciremo certamente – insieme - anche questa volta"

Il Papa per ricordarci che "su questa barca ci siamo tutti, chiamati a remare insieme".

Nei giorni in cui i dati ci parlano di un rallentamento della crescita dei contagi, siamo chiamati a continuare con senso di responsabilità a fare la nostra parte.

Ancora di più ora, con sempre maggiore determinazione.

Il Sindaco






AGGIORNAMENTO 27 MARZO - ore 09.30


TANTE DOMANDE... E QUALCHE RISPOSTA

Buongiorno!

Nel post di ieri sera, tra le altre cose, vi ho invitato a seguire con frequenza e attenzione gli aggiornamenti delle istituzioni e degli enti rispetto alle norme in vigore.

Dato che sono tanti i decreti legge, i DPCM, le ordinanze e i moduli che sono stati approvati da un mese a questa parte, ricorrere agli approfondimenti che si trovano nei vari siti diventa uno strumento utile per orientarsi rispetto a tutte queste leggi.

Allora stamattina vorrei darvi qualche indicazione sui siti a vostra disposizione per chiarire i vostri dubbi.

Parto ovviamente dalle FAQ che trovate sul sito del Governo, al momento ancora in aggiornamento, qui: http://www.governo.it/it/faq-iorestoacasa

Poi vi invito a guardare quelle del Ministero della Salute (qui: https://bit.ly/2UInk7V) e dell'Istituto Superiore di Sanità (qui: https://bit.ly/3bxLgBN).

Per quanto riguarda i temi dell'Istruzione, ci sono le FQ del Ministero qui: https://bit.ly/2wJ3ZLE

Anche Regione Lombardia ha una sezione degli approfondimenti sul coronavirus dedicata alle FAQ, che trovate qui: https://bit.ly/2WOo26a

Infine: anche Assolombarda (qui: https://bit.ly/3dDxT4X), Confcommercio (qui:https://bit.ly/33TkUr5 e qui: https://bit.ly/3dAPvy3) e Confartigianato (qui: https://bit.ly/2JggeC3) hanno sezioni dedicate alle domande degli operatori economici.

Tanti link da guardare, lo so, che però vi consente di restare sempre aggiornati sulle novità di ogni giorno.

Buona giornata.





AGGIORNAMENTO 26 MARZO - ore 19.30

PERSONE, NON NUMERI

Buonasera!

Anche oggi il post è parzialmente “ispirato” alle vostre richieste e domande più ricorrenti; poi però in coda permettetemi di raccontarvi qualcosa di personale sulla giornata di oggi.

1) LA NUOVA AUTOCERTIFICAZIONE

Come forse avete già letto, poco fa il Ministero dell’Interno ha diffuso il nuovo modulo di autocertificazione, modificato sulla base delle ultime misure adottate per il contenimento della diffusione del coronavirus.

Nel modulo infatti, oltre alla dichiarazione di non essere sottoposti a quarantena e di non essere positivo va indicata anche la consapevolezza di conoscere non solo le misure disposte dal governo nazionale, ma anche di conoscere anche i provvedimenti dei Presidenti delle Regioni,

Il modulo lo potete scaricare sul sito del Ministero qui: https://bit.ly/3dsBHWq anche se vi ricordo che qualora non lo abbiate con voi ve lo daranno al momento del controllo.

2) LE “REGOLE” SUGLI SPOSTAMENTI

Anche oggi sono state tante le domande sugli spostamenti consentiti e su quelli che potrebbero invece essere punibili.

La Regione ha chiarito che “i provvedimenti nazionali, in particolare il Decreto del Ministro della Salute del 23 marzo 2020, vietano gli spostamenti e la mobilità limitandola al proprio territorio comunale. Sussistono, tuttavia, eccezioni al divieto dettate da ragioni di urgenza e necessità primarie della vita, tra i quali è ragionevole menzionare i casi di assistenza domiciliare a favore di parenti, anziani, soggetti per i quali è prevista la permanenza a domicilio quale forma di tutela dal contagio, spostamenti nei comuni limitrofi per acquisto di medicinali o alimentari qualora nel proprio comune non vi fosse nessun esercizio aperto”.

Il Governo ha invece chiarito che è possibile spostarsi per accompagnare i propri figli dai nonni o per andarli a riprendere all'inizio o al termine della giornata di lavoro, anche se si lavora da casa, solo “solo in caso di estrema necessità, se entrambi i genitori sono impossibilitati a tenere i figli con sé per ragioni di forza maggiore. In tale caso i genitori possono accompagnare i bambini dai nonni, percorrendo il tragitto strettamente necessario per raggiungerli e recarsi sul luogo di lavoro, oppure per andare a riprendere i bambini al ritorno. Ma si sottolinea che ciò è fortemente sconsigliato, perché gli anziani sono tra le categorie più esposte al contagio da COVID-19 e devono quindi evitare il più possibile i contatti con altre persone. È quindi assolutamente da preferire che i figli rimangano a casa con uno dei due genitori che usufruiscono di modalità di lavoro agile o di congedi”.

Vi invito sempre a dare un’occhiata alle sezioni delle FAQ sul sito del Governo e della Regione per saperne di più su questi temi.

3) AL SUPERMERCATO

Mi avete chiesto in tanti di saperne di più sulla regola relativa alla misurazione della febbre per entrare nei supermercati e nelle farmacie e sull’uso delle mascherine.

Rispetto alla misurazione della febbre, la Regione ha chiarito che questa è una operazione “raccomandata”, non obbligatoria.

Non c’è neanche un obbligo di usare le mascherine, ma solo una raccomandazione per quando si esce e si presentano sintomi quali tosse o starnuti, ricordandosi sempre che l’uso della mascherina aiuta a limitare la diffusione del virus, deve essere adottata in aggiunta ad altre misure di igiene respiratoria e delle mani. A questo proposito, il Ministero della Salute ci ricorda che “l'uso razionale delle mascherine è importante per evitare inutili sprechi di risorse preziose”.

E quindi facciamo in modo che prima siano a disposizione degli operatori sanitari e di chi svolge attività di supporto alle persone sole e fragili.

4) UN GIORNO PASSATO AL TELEFONO

Eccomi allora con un racconto molto personale della giornata di oggi.

L’ho passata quasi tutta al telefono; da ieri infatti la Prefettura, nel quotidiano aggiornamento sui numeri delle persone positive e in sorveglianza attiva a casa, ha aggiunto il numero di telefono per poter contattare le persone.

E oggi allora ho voluto personalmente contattare ogni singola persona in quell’elenco, per sapere come stavano e come stanno vivendo questa situazione.

E’ stato, ve lo confesso, un momento molto intenso e particolare: ho ascoltato un alternarsi di di belle notizie e preoccupazioni, tanta fiducia e tanta paura, momenti di sconforto o momenti di assoluta sicurezza, e ho ascoltato tante impressioni su come le persone stanno vivendo questi giorni.

E’ esattamente il motivo che mi spinge, ancora una volta, a ricordarci tutti quanti che non è così fondamentale sapere il dettaglio dei singoli numeri giorno dopo giorno… numeri positivi che si alternano a numeri negativi, come ci raccontano ogni giorno Protezione civile e Regione.

Stiamo parlando di persone, che hanno tanto bisogno della nostra vicinanza… anche da lontano. E non è un gioco di parole, ma l’invito ad una solidarietà che si può esprimere anche attraverso questi canali.

Buona serata!


Il Sindaco

 


AGGIORNAMENTO 26 MARZO - ore 09.00

 

RIMANI A CASA

Buongiorno!

Il titolo del post di oggi è una frase che ormai continuiamo a ripeterci tantissime volte da un mese a questa parte.

Oggi però ve ne voglio sinteticamente parlare anche da un altro punto di vista.

Ho già scritto altre volte che ormai la grandissima maggioranza delle persone ha deciso responsabilmente, per sè e per gli altri, di seguire questa indicazione.

Ed è per questo motivo che, accanto ai servizi a supporto di chi resta a casa (dalla spesa all'acquisto dei farmaci, passando per le attività scolastiche svolte online), stanno nascendo anche una serie di iniziative online per aiutare le persone a trascorrere il tempo a casa anche seguendo opportunità di diverso tipo.

Regione Lombardia ha creato un "contenitore" di queste opportunità, distinto per attività fisica, cultura, intrattenimento e socialità, notizie, supporto psicologico e gestione dello stress.

Vi invito quindi a dare un'occhiata a questa pagina del sito, che trovate qui: https://bit.ly/33OfzRK

Stasera vi racconterò invece qualcosa di più locale. Buona giornata!

 



AGGIORNAMENTO 25 MARZO - ore 21.45

IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

Buonasera!

Anche stasera sono un po' in ritardo rispetto al solito, perchè ho appena completato la verifica dei dati che arrivano ormai ogni sera dalla Prefettura.

L'aggiornamento di oggi ci dice che ci sono 76 persone positive, alcune già a casa a continuare le cure e altre invece in ospedale, in diverse condizioni. Ci sono poi 105 persone in sorveglianza attiva.

Rispetto al numero complessivo, oggi l'Assessore Gallera ha confermato che complessivamente "i numeri sono tutti in riduzione rispetto a settimana scorsa, sono scesi e proseguono in modo costante: è un dato consolidato che ci deve portare a intensificare i nostri sforzi e a rimanere a casa".

Voglio sempre ricordarvi che dietro a questi numeri ci sono in realtà persone che si ammalano e famiglie che si preoccupano; è per questo motivo che, anche dopo avere sentito alcuni parenti, vi confermo la mia volontà di non darvi i numeri delle persone che sono scomparse.

Ho provato già a spiegare le ragioni di questa scelta, che vi ripeto: i dati italiani non distinguono tra persone che sono morte PER il coronavirus o CON il coronavirus e inoltre vi chiedo comunque di mettervi nei panni delle famiglie che già sono costrette (coronovirus o no) a dover salutare un proprio caro senza poter neanche celebrare un funerale.

La foto del post di stasera è quella di una mail, perchè sono tante quelle alle quali ho risposto anche oggi: sono emersi alcuni temi importanti.

Vi ricordo, a questo proposito, che per permettermi di rispondere in maniera più rapida vi chiedo di scrivermi solo su troiano@comune.brugherio.mb.it e non su messanger.

Riguardo alle mail: ho ancora tante (troppe!) segnalazioni rispetto ad un utilizzo della necessità di fare la spesa come una scusa per uscire: ripeto che secondo me questa non è una "furbata", ma chi fa così si trasforma in un formidabile alleato del coronavirus.

Mi avete evidenziato in tanti alcune questioni relative ai farmaci e alle ricette elettroniche: ho in programma per domani un approfondimento con gli uffici su questo e poi vi farò sapere.

Da ultimo, ci sono ancora tante domande sulle dotazioni di mascherine e su un tampone preventivo a tutti. Su questi due temi vi suggerisco di ascoltare con attenzione la conferenza stampa di oggi dell'assessore Gallera, che trovate qui: https://www.facebook.com/LombardiaNotizieOnline/videos/2559665340983340/

Buona serata!

Il Sindaco

 

 





AGGIORNAMENTO 25 MARZO - ORE 8.30


TASSE, DOCUMENTI E PENSIONI

Buongiorno!

Nel post di oggi vorrei darvi qualche sintetica informazione di servizio rispetto al tema dei pagamenti, dei documenti e delle pensioni.

1) TASSE
Una premessa inziale, che vi ho già fatto: non c'è al momento nessuna richiesta di pagamento comunale su IMU, TASI, TARI, addizionale Irpef e simili. Non ci sono pagamenti da fare per le rette dei nidi comunali e per i posti convenzionati col Comune nei nidi privati e per la sezione primavera, data la chiusura.
Brianzacque ha comunicato ieri che il pagamento delle bollette in scadenza dal 9 marzo al 6 maggio possono essere posticipati di 60 giorni ‐ rispetto alla data di scadenza originaria ‐ senza incorrere nell'aggravio di interessi di mora per ritardato pagamento.
Sono anche sospesi gli adempimenti tributari e i termini di versamento regionali che scadono tra l'8 marzo e il 31 maggio relativi a Irap, addizionale regionale irpef, bollo auto, ecotassa e tassa sulle concessioni

2) DOCUMENTI
Mentre vi ricordo che per i certificati vari non è possibile accedere allo sportello comunale ma potete tranquillamente utilizzare o l'autocertificazione o i servizi online sul sito del Comune, probabilmente sapete già che con il decreto legge "Cura Italia" è stata decisa la proroga di patenti e carta di identità fino al prossimo 31 agosto.

3) PENSIONI
Poste italiane ha comunicato che le pensionidi aprile saranno accreditate da domani; chi invece non può proprio evitare di ritirare la pensione in contanti in ufficio postale, dovrà però presentarsi agli sportelli secondo una precisa disposizione per cognomi, che trovate qui (https://bit.ly/3ahj9q3), facendo attenzione a distinguere tra la posta di piazza Giovani XXIII (che è aperta tutti i giorni) e quella di San Damiano (che è invece aperta solo il lunedì, mercoledì e venerdì).

 

 

 

AGGIORNAMENTO 24 MARZO - ore 19.45

NUOVE REGOLE E UN INVITO

Mentre scrivo il post non sono ancora arrivati i quotidiani aggiornamenti della Prefettura sul numero delle persone positive e di quelle in isolamento.

Le notizie buone (le persone che sono a casa a completare la cura) si alternano alle notizie meno buone relative ai nuovi positivi, con segnalazioni che mi arrivano anche da vicini di casa, parenti o amici, spesso prima delle comunicazioni ufficiali, come è anche normale che sia, se provate a pensare al numero di casi di tutta la Lombardia (oggi la Provincia di Monza ha un nuovo forte incremento di casi rispetto al giorno precedente).

A tutte queste persone (spesso dover "dare i numeri" rischia di farci dimenticare che parliamo di persone e famiglie) dobbiamo offrire supporto, vicinanza e sostegno, con le inziative che abbiamo messo in campo e con un supporto personale: dover necessariamente evitare i contatti non vuol dire non preoccuparsi di loro, basta una chiamata, una spesa lasciata sul pianerottolo o altro per far sentire meno sole le persone.

E quindi davvero grazie a chi si sta facendo vicino alle persone che soffrono.

E' assolutamente necessario continuare ad uscire il meno possibile; ed è per questo che oggi ho firmato l'ordinanza che prevede la chiusura dei cimiteri e delle aree cani e il divieto di utilizzo degli orti comunali; l'ordinanza la trovate qui : Ordinanza n. 22/2020.pdf

Vi ho informato di questa ordinanza anche con una nuova telefonata con il sistema Alert System e con una notifica sul cellulare, per chi ha attivato questi due servizi.

I controlli proseguono, e sono iniziate anche le denunce per false dichiarazioni rilasciate nell'autocertificazione. A questo proposito, si è da poco concluso un consiglio dei ministri che ha approvato un nuovo decreto legge che rende più efficaci e rapide le sanzioni per chi non aiuta a contenere il virus ed aumenta il pericolo per tutti.

A proposito di farsi vicini alle persone che hanno bisogno, siamo ormai arrivati a superare le 150 telefonate ricevute al nostro servizio dedicato agli anziani e alle persone più fragili, fatto in collaborazione con Croce Rossa, Croce Bianca, ANC, alpini e volontari.

Permettetemi però di chiudere rinnovandovi l'invito a non avere paura di riconoscere le paure legate al coronavirus e di ricordarvi, per questo, il servizio di supporto che abbiamo attivato in collaborazione con l'associazione Ohana. Ci sono altri servizi di questo tipo che vi presenterò nei prossimi giorni. Utilizzateli!

Buona serata.

Il Sindaco

 

AGGIORNAMENTO 24 MARZO - ore 09.00


UN RIASSUNTO DEL VIDEO DI IERI

Buongiorno!

Ieri sera nella veloce diretta video vi ho dato una serie di aggiornamenti che adesso sintetizzo qui di seguito, sia per chi ha seguito la diretta sia per chi non ha avuto modo di vederla finora.

1) LA SITUAZIONE A BRUGHERIO
Vi ho dato anzitutto il numero attuale delle persone positive (che sono in ospedale in condizioni diverse o in alcuni casi già a casa a completare le cure), che sono 67 e delle persone in sorveglianza attiva nelle loro case, che sono 85.

Ieri sera non vi ho detto, ma lo scrivo ora, che non vi darò il numero delle persone morte di coronavirus o per pregresse malattie peggiorate con il coronavirus: ho deciso di farlo per rispetto verso di loro e per i familiari, che spesso non possono essere accanto ai loro cari nel momento finale della loro vita.

2) GLI SPOSTAMENTI
E' stato un tema tanto dibattuto ieri sera, sulla base di quanto mi avete scritto durante la giornata. Vi anticipo che rispetto alla spesa oggi arriverà un chiarimento che preciserà che, come già vi dicevo ieri, sarà consentito fare la spesa in un altro comune se è un punto vendita più vicino alla nostra casa (proprio come gli esempi che facevo di chi abita in via Dei Mille o in via San Maurizio al Lambro, ad esempio).

Sempre in tema di spostamenti, vi invito a dare un'occhiata, sul sito del Ministero (qui: https://bit.ly/2xnDpYp ), al nuovo modulo predisposto, che gli spostamenti avvengono per comprovate esigenze lavorative, per assoluta urgenza (in caso di trasferimento fuori Brugherio), per situazione di necessità (in caso di spostamenti a Brugherio) o per motivi di salute.

3) CASETTE DELL'ACQUA
Ieri Brianzacque ha chiuso tutte le 66 casette dell'acqua della Provincia, come hanno fatto anche gli altri gestori in altre Province, in attuazione delle nuove disposizioni regionali e statali.

4) GOVERNO / REGIONE
Oggi dovrebbe essere il giorno giusto per chiarire la questione del rapporto tra le norme contenute nel DPCM del Presidente Conte di domenica sera e quelle scritte nell'ordinanza della Regione di sabato sera; ieri vi dicevo che ci sara un mix di norme da coordinare. Appena sarà tutto chiaro vi presenterò un prospetto.

5) NON E' IL MOMENTO DI MOLLARE!
E' da due giorni che i dati nazionali e regionali dicono una diminuzione del ritmo dei contagi, e quindi questo è il momento decisivo per sferrare il colpo al coronavirus.
E questo colpo lo danno le nostre scelte. Non è il momento di mollare, semmai è il momento di continuare con il nostro comportamento virtuoso: niente uscite da casa, spesa una volta alla settimana, niente intasamento di farmacie e simili solo per la scusa di uscire.

Ho anticipato ieri che stamattina lavoro al testo dell'ordinanza, che firmerò oggi stesso, per chiudere il cimitero e le aree cani, sulla base delle nuove disposizioni regionali e statali. Due scelte che contribuiranno di sicuro ad evitare affollamenti in questo momento non necessari.

A stasera, buona giornata!

Il Sindaco

 



AGGIORNAMENTO 23 MARZO - ore 09.00

Buongiorno e buon inizio di settimana!

Inizia una settimana davvero decisiva per quella inversione di rotta rispetto al numero dei contagi da coronavirus.
So di averlo già scritto altre volte, ma davvero siamo nel momento più importante: dobbiamo capire se le misure prese nei giorni scorsi e se quelle nuove di ieri dal Governo e della Regione saranno efficaci; e dobbiamo anche capire se quel primo dato confortante di ieri sul rallentamento della crescita delle persone positive continua o se andremo ancora su e giù come nei giorni scorsi.
Io passerò la giornata a leggere tutte le disposizioni che sono uscite in questi giorni, come già vi dicevo ieri; nel frattempo è arrivata anche una nuova ordinanza della Regione e sono pure uscite una decina di circolari di ANCI da leggere!
Spero proprio di essere in grado stasera di raccontarvi al meglio tutto su attività aperte e chiuse, nuove regole per i movimenti delle persone, attività all'aperto o meno.

Qualche precisazione ulteriore però:

1) LE FARMACIE NON SONO I NUOVI CENTRI COMMERCIALI!
 
Lo scrivo in particolare per gli anziani, su segnalazione di tanti diversi farmacisti. Guardate che NON si deve andare in farmacia ogni giorno "perchè almeno ho la scusa per fare quattro passi", come ammettono candidamente in tanti. Davvero non va bene! Praticamente tutte le farmacie sono organizzate anche per le consegne a domicilio e comunque senza la necessità di dover uscire da casa... non fate i furbi, perchè questo è in realtà un modo per continuare a far proliferare il coronavirus!

2) SUGLI SPOSTAMENTI OLTRE BRUGHERIO: 
 
come vi dicevo già ieri sera, la Prefettura ha annunciato per oggi un pronunciamento ufficiale per tutti i Sindaci della Provincia, così potremo tutti rispondere a questa importante domanda che ci state facendo

3) SENTIAMOCI VIA MAIL:

mi scrivete in tanti, tantissimi, ogni giorno, per domande, chiarimenti, preoccupazioni, complimenti e tanti altri buoni motivi. Io vi ringrazio di questa fiducia, che cerco di ricambiare dando a tutti una risposta, compatibilmente con il tempo che ho a disposizione.

Per questo motivo vi chiedo di scrivermi solo alla mail:

segreteria.sindaco@comune.brugherio.mb.it o troiano@comune.brugherio.mb.it

Buona giornata!

Il Sindaco




AGGIORNAMENTO 22 MARZO - ore 23.00


UN WEEKEND CON TANTE NORME NUOVE DA STUDIARE

Buonasera!

Anzitutto scusatemi per il ritardo. Lo so che aspettavate questo post da almeno un'ora, ma se mi permettete di iniziare con una battuta, vorrei dirvi che ieri quando scrivevo che forse a breve sarebbero arrivate nuove decisioni da parte del Governo e della Regione non pensavo di riceverne così tante!

Ieri sera, poco dopo il mio post, è arrivata un'ordinanza del Presidente della Regione, che fissava misure aggiuntive a quelle finora in vigore sul territorio nazionale, in particolare rispetto agli assembramenti, alle attività commerciali, alle attività delle amministrazioni pubbliche e degli studi professionali, al fermo dei cantieri, alla chiusura delle strutture ricettive e sull'attività motoria.

Poi, in tarda serata, è arrivata la conferenza stampa del Presidente Conte, che annunciava per oggi un nuovo DPCM (ormai avete imparato questa sigla!) e anticipava la decisione di un sostanziale fermo delle attività produttive industriali e commerciali non indispensabili.

Stamattina non è arrivato nulla; nel pomeriggio poi è arrivata un'ordinanza del Ministro della Salute e del Ministro dell'Interno, che vieta gli spostamenti con mezzi pubblici e privati in un comune diverso da quello in cui ci si trovava, salvo che per esigenze lavorative, di urgenza e di salute. Le ragioni di questa ordinanza erano chiare: chiedere alle persone che lavorano al nord e che vedranno fermarsi le attività lavorative di non scendere magari nei paesi di origine, per evitare l'assalto che abbiamo visto due settimane fa, e per "mettere in sicurezza" aree finora meno colpite dal coronavirus.

Solo meno di un'ora fa è però arrivata la firma del Presidente Conte del nuovo testo del DPCM: più breve dei precedenti, contiene in realtà delle disposizioni che vanno lette con molta attenzione, perché sono ricche di riferimenti ai precedenti DPCM e ad altre leggi, e rispetto alle attività produttive, industriali e commerciali fissa un principio (le attività sono sospese) ma poi lo precisa in maniera più dettagliata, individuando una serie di eccezioni.

C’è un piccolo problema: il DPCM del Presidente Conte fissa delle regole che, in alcune parti, sono diverse dall’ordinanza del Presidente Fontana e quindi… quale prevale?

E’ una domanda che farebbe appassionare tanti giuristi e i costituzionalisti in particolare; per noi che abbiamo bisogno di capire quali attività sono consentite e quali no, e in che forma devono essere svolte quelle consentite, è una domanda che sollecita una necessità di approfondimenti ulteriori che faremo domani e che cercheremo poi di riassumervi nelle ormai famose slide che di solito vi preparo per orientarvi.

Sto ricevendo via mail, whatsapp, messanger e nei commenti tante richieste di chiarimento da parte di chi vorrebbe capire se può o meno restare aperto da domani; siccome sono domande davvero importanti, perché riguardano la vita ed il lavoro di tante persone, devo chiedervi la pazienza di darci il tempo di approfondire per aiutarvi ad orientarvi al meglio.

E quindi… ci vediamo domani; nel frattempo, per i più curiosi, l’ordinanza della Regione è qui (https://bit.ly/396Bepn), mentre il DPCM è qui (https://bit.ly/2J93a1i )

Buona serata!

Il Sindaco

 

AGGIORNAMENTO 22 MARZO - ore 09.00

Buona domenica!

Oggi il settimanale augurio ve lo faccio con il messaggio che ci arriva dai nonni del "Bosco in città" e di "Villa paradiso".

Sappiamo che le persone anziane sono le più fragili una volta colpite dal coronavirus e quindi ascoltiamo il loro suggerimento: andrà tutto bene se con le nostre scelte personali proteggiamo noi e loro, impedendo al virus di espandersi.

PS: so bene che c'è un'ordinanza regionale, ma avete anche sentito le parole del Presidente Conte di ieri sera, rispetto ad un DPCM del quale non si conosce però il testo. La giornata la passerò a mettere insieme i due testi per cercare di aiutarvi a capire quali sono le disposizioni che valgono in Lombardia e in Italia e fino a quando.

Ci aggiorniamo al prossimo post, meglio prendersi un momento in più ma spiegare le cose per bene, una volta letti i testi ufficiali.

Il Sindaco

 




AGGIORNAMENTO 21 MARZO - ore 20.00

CONTROLLI, COMMENTI E PAURE

Buonasera!

Prima di chiudere la giornata di lavoro in Comune, permettetemi di tornare su alcune questioni delle quali abbiamo parlato ieri durante la diretta facebook, che sono state molto commentate durante tutto il giorno.

Ma, prima ancora, un aggiornamento dei dati della Prefettura sui “numeri” di Brugherio, che oggi sono già arrivati e ci dicono che abbiamo 29 persone positive e 75 in sorveglianza attiva. Vi avviso però fin d’ora che sono numeri destinati ad aumentare nei prossimi giorni dato che, come ci ha scritto la Prefettura, i dati con i nomi non sono ancora allineati ai dati numerici, che negli ultimi due giorni hanno visto passare il numero di positivi in tutta la Provincia dai 495 di giovedì ai 1.084 di oggi.

Un trend in continua crescita, che ancora una volta richiama le nostre singole responsabilità.

E qui vengo al post di oggi, che riprende quanto vi ho già detto ieri e mi permette così di rispondere ai tantissimi messaggi che ho ricevuto oggi (anzi, scusate se non riesco a rispondere a tutti, ma è davvero difficile stare dietro ai commenti che vengono messi su ogni post, anche quelli di tanto tempo fa).

Anzitutto permettetemi di dire GRAZIE alla netta, nettissima maggioranza di persone che responsabilmente sta a casa, esce solo per andare al lavoro, per fare la spesa una sola volta a settimana, per scendere con il cane e rientrare poi subito a casa, per svolgere solo una commissione urgente, che sta nel giardino o nel cortile condominiale pochi minuti... grazie davvero!

C’è una minoranza che ancora sottovaluta, ancora occupa le aree cani per troppo tempo, ancora passeggia per Brugherio complice il sole, ancora esce per comprare un panino al mattino per il pranzo e uno al pomeriggio per la sera, che organizza i party in giardino con tutti i vicini di casa, che fa le file chilometriche al supermercato…

Ecco, chi si occupa di questa minoranza?

Ieri vi ho spiegato che i controlli di Polizia locale e Carabinieri proseguono senza sosta tutti i giorni, vi ho raccontato che ci sono numerosi fermi e tante denunce per uscite non motivate. Vi ringrazio per le segnalazioni che mi fate, ma ovviamente vi chiedo di mettervi nei panni di chi controlla: non si può essere in più posti in contemporanea!

La foto del post vi fa vedere l’Esercito in piazza Duomo a Milano. Ecco, nei Comuni l’Esercito non è ancora arrivato, dobbiamo contare sulle nostre forze.

E ieri vi ho anche spiegato che ci sono dei poteri affidati ai Sindaci che sono molto chiari e netti: le ordinanze dei Sindaci completano quelle del Governo, non possono aggiungere divieti che non sono previsti; l’aggiunta è una prerogativa solo dei Presidenti di Regione.

Ieri, ancora, vi ho chiesto di occuparvi anche voi della minoranza che non ha ancora capito l’importanza dello stare a casa, ma vi ho chiesto di farlo personalmente, con un contatto con tutte le persone che conosciamo, una telefonata, una videochiamata, un messaggio.

Guardate che quello che sta succedendo a Brugherio accade ovunque, basta leggere le pagine social e sentire i miei colleghi Sindaci… tutti noi riceviamo messaggi dai cittadini che ci chiedono di “blindare” le città, ci segnalano situazioni di affollamenti, persone che non rispettano le regole, e ovviamente ci dicono che nel Comune di fianco fanno i controlli, mentre da noi…

Oggi pomeriggio ho lavorato ad una ordinanza che, se il Governo e la Regione non dovessero intervenire nel weekend, firmerò lunedì per alcune ulteriori misure restrittive su Brugherio, sempre nell’ambito dei poteri affidati ai Sindaci.

Ma nel frattempo devo dirvi che non mi piace quello che mi hanno riferito Polizia locale e Carabinieri, rispetto ad alcuni atteggiamenti di odio e di urla verso chi è per strada… il richiamo forte alle loro responsabilità e l’invito a stare a casa non deve degenerare in odio o in insulto, questo deve essere chiaro.

Convinciamo le persone… se ognuno di noi ne convince una che al momento ancora non rispetta le regole stiamo facendo un bel servizio alla città!

I controlli continueranno anche domani e fatemi per questo ringraziare i Carabinieri (sempre presenti!) e la Polizia locale, che domani aggiunge un turno non previsto per fare questi controlli. Vi ricordo che i controlli sono affidati a persone come noi, che stanno lavorando senza sosta dal 23 febbraio per seguire l’emergenza! E continuare a scrivere che non ci sono controlli offende il loro lavoro e il loro impegno!

Finisco esattamente come nella diretta di ieri: poco fa l’ultimo messaggio che ho ricevuto mi dice “Sindaco, io ho paura”. Ammettere di averla non è un problema, perché tutti stiamo vivendo un contesto che ci preoccupa. Trasformarla in odio sui social o sui balconi non va bene. Riconoscerla e lavorarci aiuta ad affrontare meglio questa emergenza. Vi ricordo che è per questo motivo che abbiamo attivato uno sportello di ascolto, che aspetta le vostre mail.

A domani, buona serata!

Il Sindaco



 

AGGIORNAMENTO 21 MARZO - ore 09.00

PARLIAMONE...

Buongiorno! Ieri vi ho parlato del fatto che, al di là dello scrivere "stiamo a casa" sui social, dobbiamo riuscire a convincere personalmente più persone possibili, con una telefonata, un messaggio, una videochiamata.

Convinciamo tutti quelli che conosciamo ad uscire per la spesa una volta a settimana o a farsi fare le consegne online, convinciamo chi ha un cane ad evitare di stare in giro troppo tempo o in gruppi nelle aree cani (come ancora succede), convinciamo le persone a non far diventare i nostri cortili condominiali un nuovo luogo di aggregazione; convinciamoci tutti, insomma, che la battaglia è ancora lunga, e che stare a casa è l'unica arma che abbiamo per evitare i contagi (ieri nella nostra Provincia oltre 300 nuovi positivi in un giorno solo!).

Ieri vi ho anche detto che non dobbiamo avere paura di dire che abbiamo paura, perchè questa situazione è nuova per tutti, e quindi non dobbiamo nascondere le nostre preoccupazioni.

Ecco perchè vi presento tre nuove iniziative, che vedrete poi nell'altro speciale su questo sito: uno sportello dell'ASST di Monza dedicato alle neo mamme o alle donne che stanno per partorire e poi due nostre nuove proposte.

La prima è dedicata alle famiglie che hanno figli che frequentano le nostre scuole: il tradizionale sportello psicopedagogico diventa online.

La seconda è una nuova opportunità di ascolto destinata a tutti i cittadini che vogliono confrontarsi con persone esperte per avere qualche suggerimento su come vivere questa fase di profonda incertezza.

Buona giornata!

Il Sindaco

AGGIORNAMENTO 20 MARZO ore 09.30

COMUNICHIAMO IN TUTTI I MODI

Buongiorno!

Domani sarà un mese esatto dall'inizio dell'emergenza coronavirus in Italia; era la mattinata di venerdì 21 febbraio quando infatti i giornali davano notizia della positività del primo italiano.

In questo mese sono stati davvero tanti gli stravolgimenti che stiamo vivendo, che dureranno ancora tanto...

Un ruolo importante lo sta giocando la comunicazione, che è diventata decisiva, per far passare le notizie vere e importanti e per mantenere i rapporti tra le persone che non possono vedersi dal vivo.

A proposito di comunicazione, allora, ho due primi avvisi "di servizio" da darvi.

Vorrei anzitutto segnalarvi che Poste italiane ha comunicato ai Sindaci i nuovi orari di apertura al pubblico; per quel che riguarda Brugherio, l'ufficio di piazza Giovanni XXIII sarà ora aperto dal lunedì al sabato SOLO al mattino, dalle 8.20 alle 13.35, mentre quello di San Damiano sarà aperto SOLO il lunedì, mercoledì e venerdì dalle 8.20 alle 13.35.
Poste italiane ci invita comunque ad utilizzare i servizi online, anzichè uscire di casa; trovate tutto qui: https://www.poste.it/iorestoacasa.html

Secondo avviso: come saprete, oggi alle 11, per la prima volta nella storia dell'Italia, tutte le radio nazionali e locali si uniranno per un’iniziativa di diffusione comune senza precedenti, trasmettendo in contemporanea l’Inno di Mameli e tre canzoni che hanno fatto la storia della musica nazionale, per dare un forte messaggio di unione, partecipazione e connessione.

Da ultimo, a proposito di connessione e comunicazione, ancora due cose.

La prima: tutti noi, io compreso, scriviamo tanto, commentiamo, leggiamo e ci informiamo... proviamo però anche a cercare il contatto personale (ovviamente a distanza) con tutte le persone che conosciamo: convinciamo tutti quelli che conosciamo a stare a casa!

La seconda: per questo motivo, oggi sarà una giornata nella quale userò tutti gli strumenti a disposizione del Comune per farvi passare questo messaggio. Oltre alle pagine facebook, vi ricordo il sito, con i due speciali con le notizie (https://bit.ly/3dc5Zwu) e con i servizi attivi (https://bit.ly/33ykXIJ), vi ricordo di registrare il vostro telefono al servizio alert system perchè ci sarà in serata una nuova telefonata (https://bit.ly/2wqWBo2), vi ricordo di scaricare l'app Comune facile per ricevere le notifiche sul cellulare.

Buona giornata!





AGGIORNAMENTO 19 MARZO ore 21.00

"DOVRESTE VEDERE QUEGLI OCCHI"

Buonasera.

Scrivo questo post più tardi del solito, perchè oggi i dati da Prefettura e ATS sono arrivati in anticipo, e quindi ho invertito l'ordine delle cose che faccio di solito a quest'ora.

Questo mi consente però di partire proprio dai numeri.

I NUMERI DI GALLERA

Partiamo dall'aggiornamento quotidiano dell'Assessore Gallera: 2.168 morti in totale, 209 decessi in 24 ore; 2.171 positivi in più in un giorno, che portano il totale a 19.884. Sono "solo" 182 i ricoverati in più, arrivando ad un totale di 7.387, mentre quelli in terapia intensiva sono 1.006, 82 in più.
Il dato preoccupante riferito da Gallera è quello del numero di positivi a Milano e Provincia: 3.278, 635 più di ieri, e la stessa cosa accade nella Provincia di Monza, che passa da 398 a 495.

"Sono passate quasi due settimane e pensavamo che fosse sufficiente, invece il traguardo è qualche chilometro più in là. Siamo arrivati al punto in cui in molti presidi non c'è quasi più un letto disponibile non c'è più un luogo dove ricoverare qualcuno che arriva al pronto soccorso in attesa di trovare un letto in Lombardia".

I NUMERI DI BRUGHERIO

Crescono i dati di tutta la Provincia, crescono ovviamente i dati a Brugherio, ad un ritmo di tre al giorno; siamo arrivati a 29 casi positivi, di persone in condizioni di salute diverse (alcune in terapia intensiva, altre che ormai hanno lasciato l'ospedale e sono a casa a continuare la terapia).
Il numero delle persone in sorveglianza attiva (vi ho spiegato nel post di ieri cosa vuol dire) oscilla di giorno in giorno... quello di oggi è di ben 61 persone!

Non vi stupisca un numero così alto, perchè se proseguono i contagi è chiaro che ci sono più persone da mettere poi in sorveglianza.

Capite perchè allora è importante decidersi a cambiare rotta?

RESTATE A CASA!

Devo ribadirlo allora ancora una volta: cosa non è chiaro nelle parole "RESTATE A CASA?". Oggi ho ricevuto almeno una trentina tra messaggi, commenti e whatsapp con foto, indicazioni di persone che se la spassavano nelle aree cani, ammassate nei supermercati aperti, tranquillamente in giro... e ho ricevuto il giornaliero aggiornamento della polizia locale, con gli oltre cinquanta controlli eseguiti e ancora una volta delle persone denunciate (spesso minorenni, come nei giorni scorsi).

Così non se ne esce, davvero! Il Presidente del Consiglio lo ha già anticipato nell'intervista sui giornali di oggi: siamo destinati a vedere inasprire queste misure.

Confessiamolo: chi di noi non è rimasto senza parole a vedere i mezzi dell'esercito a Bergamo, portare via le bare per la cremazione in altre regioni d'Italia? E quindi, cosa ci impedisce di capire una volta per tutte l'importanza delle nostre singole scelte?

"Sinceramente a chi non capisce vorrei far provare l'esperienza di vedere quegli occhi spalancati che hanno bisogno di aria", mi ha scritto stamattina in privato un'infermiera che abita a Brugherio.

Tocca a noi; i numeri, che crescono ovunque, lo dimostrano in maniera chiara. O invertiamo la rotta SUBITO, oppure il chilometro ipotizzato da Gallera non finirà mai.

Il Sindaco






AGGIORNAMENTO 18 MARZO ore 19

PRIMA DI TUTTO IL SENSO CIVICO


Buonasera!
Devo confessarvi che mi piace davvero tanto che questi post stiano sempre più diventando una occasione di dialogo tra di noi… e quindi anche stasera parto con un messaggio ricevuto via mail oggi.
“Salve Sindaco, ho pensato che potesse farle piacere sapere che c’è anche chi, silenziosamente com’è giusto che sia, osserva le disposizioni date. Perché? Probabilmente per quel senso civico che sfortunatamente non appartiene a tutti gli esseri umani... sarà anche coreografico affiggere bandiere; emozionante cantare canzoni; suggestivo illuminare la notte…. ma questa è sostanza?”
E’ proprio da questo, ancora una volta, che voglio ripartire. Oggi abbiamo aggiunto un ulteriore “supporto” all’attività di presidio del territorio, ovvero un giro per tutta la città con la Polizia locale che ha letto un messaggio di invito ad uscire di casa solo per i tre motivi ormai noti: lavoro, acquisti necessari, salute.
Insieme ai tanti commenti positivi per questa decisione che abbiamo preso, ho ricevuto ancora una volta qualche messaggio che dice “ma non è vietato uscire”, “ma io ho il cane”, “ma voglio fare attività sportiva”, “ma voglio portare il mio piccolo bimbo a fare un giretto”…
L’ho già scritto stamattina: finchè una piccola minoranza (ovunque, non solo a Brugherio, guardate le pagine facebook di tutti i Sindaci e leggete i continui inviti che arrivano dal Governo, dalla Regione e dalle forze dell’ordine) continuerà a cercare una “scorciatoia” per continuare a fare quello che vuole, anziché convincersi che SONO I NOSTRI COMPORTAMENTI I PRIMI OSTACOLI ALLA DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS, saremo destinati a proseguire questi giorni di chiusura forzata, questo ormai è chiaro!
Anzi, probabilmente, come inizia a trapelare, saremo destinati a rafforzare questa chiusura forzata.
E allora torniamo all’inizio del post: che senso ha uscire sui balconi, appendere il tricolore, cantare l’inno, fare l’applauso agli eroici medici, infermieri e assistenti per quello che stanno facendo, se poi ce ne sbattiamo delle regole e pensiamo di fare quello che vogliamo?
Vorrei poi dirvi altre cose importanti, in risposta ai commenti che ho letto oggi.
1) IL NUOVO MODULO
Sapete ormai che da ieri c’è un nuovo modello da compilare per l’autocertificazione in caso di eventuale controllo quando siete in giro; lo trovate sul sito del Ministero dell’Interno, qui: https://bit.ly/2WqhLgW
Che cosa vuol dire dichiarare che non si è positivi al coronavirus o non si è in quarantena? E cosa vuol dire dichiararlo se, come ha scritto qualcuno oggi nei commenti, non abbiamo fatto mai un tampone e quindi non possiamo saperlo?
La risposta a questa domanda ve l’ho in realtà già data stamattina: vi ho spiegato cosa vuol dire essere in “sorveglianza attiva”, e vi ho scritto che alcune persone positive, dopo l’ospedale, sono già a casa a completare la cura. Queste due categorie di persone sono obbligate a stare a casa, e se invece dovessero essere fermate per strada commetterebbero un reato.
E’ di questo che si occupa il nuovo modulo: occorre dichiarare di non essere un soggetto in sorveglianza attiva come da indicazione di ATS e di non essere a casa dopo le cure ospedaliere, non di avere fatto un tampone o essere sicuri di non avere il coronavirus.
Spero sia più chiaro adesso…
2) COME FUNZIONA LA RACCOLTA DIFFERENZIATA
Anche in un periodo di emergenza come quello che stiamo vivendo, la raccolta differenziata prosegue regolarmente nei Comuni, come il nostro, gestiti da CEM Ambiente, con alcuni accorgimenti importanti per tutti.
CEM ci ricorda che tutti i cittadini sono invitati a buttare nel secco i fazzoletti usati e le mascherine, mentre ci sono regole diverse per i cittadini che sono a casa in sorveglianza attiva o per le cure. In questi casi, infatti, non bisogna più fare la raccolta differenziata ma, come da indicazione dell’Istituto Superiore della Sanità, si devono inserire tutti i rifiuti domestici in un unico sacchetto e mettere il tutto in un secondo sacchetto, che va esposto ben chiuso nel giorno della raccolta del secco, che resta quello consueto, come da indicazioni del calendario che avete ricevuto a casa qualche settimana fa.
3) ACCENDETE LA LUCE!
Stiamo ricevendo una serie di segnalazioni di vie che sono al buio; vi devo dire a questo proposito due cose diverse.
La prima è che quando capitano situazioni come queste, non aspettate che passino due o tre giorni, perché in condizioni normali se lo segnalate subito la ditta esce nell’arco delle 24 ore successive, controlla l’origine del guasto e cerca di risolverlo il prima possibile; troppe volte invece i giorni passano inutilmente! Quando capita, scrivetelo qui: https://bit.ly/2ITFmi3
La seconda cosa che devo dirvi è però che in questi giorni dovete avere un po’ di pazienza in più: la ditta è soggetta come tutti alle restrizioni lavorative per il numero di personale attivo e per la distanza da Brugherio, quindi potrebbe essere che ci voglia qualche giorno in più.
4) NEL FRATTEMPO…
Domattina inizierò la giornata raccontandovi però almeno altre cose che non sono strettamente legate al coronavirus, perché nel frattempo la macchina comunale porta avanti anche altri progetti che coinvolgono la nostra città.
5) RESTIAMO IN CONTATTO
Ve lo ricordo ancora una volta, dando ormai per scontato che lo sappiate: sul sito c’è lo speciale dedicato al servizio per le persone più fragili, anche con l’elenco in continuo aggiornamento degli esercizi commerciali che fanno consegne a domicilio per tutti (qui: https://bit.ly/2TZEG0F), e poi vi ho invitato a scaricare l’app Comune facile, che esce in anticipo rispetto al previsto, e quindi con alcune sezioni al momento disattivate, ma che mi consente di raggiungervi anche con le notifiche sul cellulare; dopo averla scaricata, ricordatevi di selezionare Brugherio.
Grazie, buona serata e a domani!
PS: l’immagine di stasera del post è relativa alla fontana di piazza Cesare Battisti, che ora è impostata sul tricolore, ma esattamente per quello che vi ho scritto a inizio post: non per una finta adesione alla lotta che si sta combattendo contro il coronavirus, ma per dire che questa lotta la vogliamo fare tutti con le nostre scelte personali!

Il Sindaco

 


AGGIORNAMENTO 18 MARZO ore 11.00


"FATE DELLA VOSTRA CASA LA VOSTRA MASCHERINA!"

Buongiorno!

Il titolo del post di stamattina è virgolettato, perchè è un commento ricevuto da un cittadino sulla pagina facebook del Comune al post che ho pubblicato ieri sera, dove vi riportavo le parole di un ex cittadino brugherese ora abitante a Nembro, che tanto vi hanno colpito.

Ecco, il mio invito ancora una volta è proprio quello di restare a casa; il sole non ci aiuta, i giorni a casa iniziano a diventare tanti, ma siamo ancora a metà del percorso che dobbiamo fare, la curva non scende, e non scenderà se continuiamo a fare quattro passi perchè tanto è consentito, se ci ritroviamo in gruppo a portare giù il cane, se facciamo i furbi e tentiamo di entrare nei parchi (beccandosi una denuncia, come avvenuto ieri), se improvvisamente ci inventiamo sportivi e ci mettiamo a correre, se usciamo tre volte al giorno per andare a fare la spesa, se con la scusa di andare in farmacia usciamo 10 minuti prima che apra (lo vedo tutte le mattine mentre arrivo in Comune)... e potrei fare mille altri esempi.

Il titolo del post mi serve anche per aggiornarvi sui dati che arrivano dalle autorità sanitarie sulla situazione a Brugherio e per spiegarvi una cosa importante, che stiamo verificando con le prime chiamate di questi giorni allo 039 2893 375, il numero che abbiamo messo a disposizione per le persone fragili.

A ieri abbiamo 22 casi di persone positive al coronavirus a Brugherio, che sono in condizioni di salute diversa; c'è chi purtroppo è ancora in terapia intensiva, c'è chi è in altri reparti di ospedale, c'è chi per fortuna è già uscito dalla fase più critica ed è a casa a proseguire le cure, ovviamente con il vincolo di non potere uscire.

C'è poi un secondo gruppo di persone, che sono definite "in sorveglianza attiva": sono le persone che hanno avuto un contatto stretto con una persona poi risultata positiva, che devono quindi restare in casa nei successivi 14 giorni, con un divieto di vedere altre persone o uscire, e con l'obbligo di restare a disposizione per le attività di sorveglianza che fanno le autorità sanitarie.

Il numero di queste persone, quindi, cambia di giorno in giorno, visto che man mano scadono i 14 giorni o emergono nuovi casi e quindi c'è la necessità di mettere in sorveglianza altre persone.

Nello stesso tempo, tutte le altre persone non devono fare nulla! Lo scrivo perchè in questi giorni arrivano telefonate di cittadini che ci dicono "sappiamo che nel nostro condominio c'è una persona in isolamento, abbiamo paura, vogliamo fare il tampone anche noi"... assolutamente NO!

Se l'autorità sanitaria non vi ha chiamato, vuol dire che non siete stati ritenuti un contatto stretto, quindi potete continuare a stare tranquilli... e comunque a stare a casa, che è la nostra migliore mascherina di protezione.

Piuttosto aiutateci ad individuare le persone che sono in isolamento; se sono vostre vicine di casa e sapete che sono sole sentitele al telefono, chiedete loro se hanno bisogno di qualcosa e poi chiamateci o fateci chiamare allo 039 2893 375.

Spero che questo post, necessariamente lungo, vi abbia un po' chiarito la situazione.

Buona giornata e mi raccomando... continuate a stare in casa!

Il Sindaco


AGGIORNAMENTO 17 MARZO ore 20.00


 

STATE A CASA!

Buonasera! Vi confesso che il tema di questo post è cambiato più volte, nel corso della giornata.

Stamattina avevo ipotizzato di scrivervi qualcosa sulle misure del Governo e di darvi altri aggiornamenti più pratici; poi nel corso della giornata, sulla base delle tante telefonate ricevute al numero che abbiamo attivato e anche al centralino del Comune avevo deciso di parlarvi in particolare di cosa significa essere in sorveglianza (ve ne parlerò domattina).

Ma il resto della giornata mi convince che l'argomento deve essere, ancora una volta, l'indicazione chiara che vi devo lasciare: STATE A CASA!

Guardate i numeri presentati oggi e pubblicati sul sito della Protezione Civile: non ci siamo ancora! E poi ho letto tante mail e tanti commenti sotto ai post precedenti, che mi invitano ad "incattivirci" ancora di più con i controlli e le sanzioni (che pure si fanno... ve lo assicuro).

Premesso che tutti i Sindaci ricevono messaggi che dicono "Sindaco, faccia i controlli, nel Comune X li fanno", premesso che come vi dicevo le sanzioni si fanno (poco fa a tre minorenni... e lo scrivo con un invito particolare ai genitori a convincere i figli a stare a casa!), premesso tutto questo, davvero vi invito ad essere quel fiammifero della prima immagine.

Un fiammifero che si ribella e interrompe il fuoco!

Poche ore fa ho ricevuto un messaggio da un nostro ex concittadino, che ora abita nella bergamasca, e che conosco da tanto tempo.

Ho deciso che stasera la parola la lascio a lui e vi riporto integralmente quello che mi ha scritto, che vale molto più di mille altre mie parole.

Ciao Marco, ho deciso di scriverti queste righe perché leggendo nei gruppi brugheresi di Facebook ho visto che uno dei problemi più sentiti è la possibilità di uscire da casa per fare una passeggiata.
Io abito a Nembro e fino a quindici giorni fa anche da noi si andava a passeggiare sulla bellissima pista ciclabile che costeggiando il fiume Serio giunge fino a Clusone.
Ci sentivamo felici, invincibili e sicuri che il virus sarebbe passato in fretta.
Oggi non è più così la gente, giovani e anziani, hanno capito che di questa infezione si muore, il parroco per non turbare i nostri animi ha deciso di non suonare più le campane a morto e ogni sera c'è un accenno di scampanio per salutare chi ci ha lasciato. Nemmeno la notte porta serenità perché nel silenzio le sirene delle ambulanze acquistano ancora più forza.
So che sei impegnato e che stai lavorando per combattere questa emergenza però ti prego, avete visto cosa fa questa malattia, fate capire alla gente che uscire di casa non è sicuro nemmeno se da soli, qui la gente muore, soffre, non può visitare per l'ultima volta i parenti in ospedale e non può nemmeno dare l'estremo saluto durante il funerale.
Abbiamo perso amici, fratelli, zii e zie, nonni, persone importanti per la comunità ed anche semplici conoscenti perché, forse, all'inizio abbiamo sottovalutato la situazione spero che, quanto successo e sta succedendo da noi, sia di monito per le coscienze di tutti.
Amo Brugherio, i suoi abitanti ed un pezzo del mio cuore è ancora lì insieme ai miei parenti ed agli amici di tutta una vita.

Scusate per lo sfogo ma vi voglio bene.

Il Sindaco

 


 

 






AGGIORNAMENTO 17 MARZO ORE 9

 

NEGOZI, TRASPORTI E SOLIDARIETA'

 

Buongiorno!

 

Come vi avevo promesso nel post di ieri sera, abbiamo aggiornato l'elenco degli esercizi commerciali che fanno servizio a domicilio; ancora una volta chiedo agli esercizi commerciali che si volessero aggiungere di scrivere a: segreteria.sindaco@comune.brugherio.mb.it.


Da mezz'ora è ripreso il servizio per i cittadini che hanno bisogno di un aiuto per la spesa, i farmaci o un pasto caldo; vi ricordo che il numero da chiamare è lo 039 2893 375, mentre per tutte le altre informazioni è attivo lo 039 28931. Per queste informazioni vi invito a guardare l'altro speciale.

 

Vi segnalo anche che, in attuazione di quanto deciso dal Governo e dalla Regione, da questa settimana sono cambiati gli orari del trasporto pubblico, che fa il servizio del sabato non scolastico o addirittura del mese di agosto.

 

I nuovi orari delle circolari, del bus che arriva da Vimercate e di quello che passa da Sant'Albino li trovate qui (https://bit.ly/2QgRRbx), quelli della Z203 sono qui (https://bit.ly/3b1zuPB).

 

Infine, rilancio la richiesta di AVIS Brugherio, che segnala il fatto che in questa situazione di emergenza sanitaria causata dal Coronavirus, stiamo affrontando anche un calo delle donazioni di sangue, ma gli ospedali non possono permettersi di vivere una crisi nella crisi, le trasfusioni sono essenziali!

 

Ed è per questo che chi si reca a donare non è soggetto alle restrizioni alla mobilità: in caso di eventuale controllo all'andata basterà scrivere nel modulo di autocertificazione "Donazione sangue presso il Centro Trasfusionale dell'Ospedale San Gerardo di Monza", mentre al ritorno in caso di controllo si potrà esibire la giustifica che viene preparata usualmente dal medico per i permessi di lavoro.

 

A più tardi per altre informazioni. Buona giornata!

 

 

AGGIORNAMENTO 16 MARZO ore 20.00

LA SINTESI DELLA GIORNATA

Buonasera!

Ho ancora un po' di cose da fare prima di andare a casa, ma vi devo aggiornare sulle tante cose successe in questa giornata; cerco di farlo in modo sintetico, rinviando a domattina altre questioni importanti.

1) I NUMERI
Vi ho scritto stamattina che entriamo nella settimana decisiva per capire se invertiamo la tendenza rispetto al numero di contagi da coronavirus. E per farvi capire perchè vi invito a guardare la prima immagine del post, che è relativa al trend degli ultimi giorni nella SOLA provincia di Monza e Brianza... non credo serva aggiungere altre parole, se non quello che continuo a dire sempre: l'inversione di tendenza dipende dalle nostre singole scelte!

2) CONTROLLI E SANZIONI
A questo proposito, ringrazio chi mi scrive in privato o pubblicamente nei commenti ai post per segnalarmi situazioni nelle quali ci sono tante persone che continuano a fare finta di niente; vorrei dirvi che ci sono abbiamo già superato la decina di denunce da parte della Polizia locale e che anche l'attività dei Carabinieri procede senza sosta... i controlli ci sono e si fanno, fidatevi! Ma tocca a ognuno di noi essere quel fiammifero (sono sicuro che tutti abbiate visto il video) che si toglie dalla fila e impedisce al fuoco di proseguire...

3) #DIMMIDICOSAHAIBISOGNO
Alle 14 siamo partiti con il servizio di aiuto alle persone che hanno compiuto 65 anni, che non hanno relazioni sociali o familiari in città e quindi hanno bisogno di una mano per la spesa, i farmaci o un pasto. Abbiamo già ricevuto qualche chiamata e vi invito a diffondere questo progetto; c'è scritto tutto nel nuovo speciale sul sito del Comune, che trovate qui (https://bit.ly/2TTWv17).

4) ATTIVITA' COMMERCIALI, FATEVI AVANTI!
Nello stesso speciale avete visto che c'è l'elenco degli esercizi commerciali che sono disponibili per le consegne a domicilio; oggi ne sono arrivate altre e qualcuna ci ha chiesto anche delle rettifiche di errori (chiediamo scusa!). Domattina ci sarà nella pagina l'elenco aggiornato. Vi ricordo che se volete aggiungervi non dovete scrivere sotto ai commenti dei post, ma inviare una mail a segreteria.sindaco@comune.brugherio.mb.it

5) UN AIUTO ALLE PERSONE IN ISOLAMENTO
Questo è un punto molto delicato; a volte non riusciamo a rintracciare le persone che sappiamo essere in isolamento precauzionale o perchè hanno un parente positivo. Vi chiedo, garantendovi l'assoluto anonimato, di contattarmi personalmente se avete bisogno di una mano per la spesa o per qualche altro servizio; scrivete alla mail troiano@comune.brugherio.mb.it

6) UNA PAROLA (DEFINITIVA!) SULLA SANIFICAZIONE
Torno molto velocemente su questo argomento, al quale ho già dedicato un lungo post, avvisandovi anche che non aggiungerò più nulla in proposito. Ma visto che continuo a leggere alcuni commenti, voglio ribadire la posizione, facendo anche riferimento a due pronunciamenti ufficiali.
In Cina, come in molti altri Comuni italiani dove stanno facendo la sanificazione, hanno usato l'ipoclorito di sodio, un componente della candeggina. Ieri l'agenzia per la protezione dell'ambiente del Piemonte ha chiarito, che "non vi è evidenza che spruzzare ipoclorito di sodio all’aperto, massivamente, sui manti stradali, possa avere efficacia per il contrasto alla diffusione del CODIV-19 dal momento che le pavimentazioni esterne non consentono interazione con le vie di trasmissione umana". Ma non solo. Ha precisato che "l'ipoclorito di sodio, componente principale della candeggina, è sostanza inquinante che potrà nel tempo contaminare le acque di falda, direttamente o attraverso i suoi prodotti di degradazione".
E oggi è arrivato il parere dell’agenzia della salute di Monza e Brianza, che vi metto nel post e che mi sembra altrettanto chiaro: sanificare non serve a nulla, l’ipoclorito di sodio va usato il meno possibile, al massimo si tratta solo di intervenire con i prodotti già in uso, come vi ho scritto che farà CEM. Detto questo… sull’argomento sanificazione direi che la chiudiamo qui.

7) TUTTO IL RESTO…
Siccome il post è già diventato bello lungo, lascio a domani le notizie sul nuovo orario del trasporto pubblico, su una richiesta che vi devo fare a nome di AVIS e sui contenuti del tanto atteso decreto del Governo.

Buona serata, a domani!

Il Sindaco

AGGIORNAMENTO 15 marzo ore 20.00

IL CUORE GRANDE DI BRUGHERIO

Buonasera!

Quasi alla fine della giornata, faccio con voi un veloce punto della situazione.

1) GRAZIE!
Ma prima di tutto... GRAZIE! Grazie davvero per tutte le foto, i video, i whatsapp che sto vedendo rispetto a quello che è successo praticamente ovunque poco meno di un'ora fa a Brugherio.
Grazie per gli applausi, gli inni, le pentolate, i disegni e tutto quello che avete fatto per dire la vostra riconoscenza a chi sta giorno e notte, senza sosta, lavorando per curare tutte le persone che stanno affrontando questa battaglia contro il coronavirus.
Tra i tanti commenti che ho visto, mi è piaciuto quello che invita tutti noi a ricordarci che quando tutto questo finirà (perchè finirà!) dovremo portarci sempre con noi questo senso di solidarietà e di cura per gli altri... anche nella nostra città!

2) LA SITUAZIONE DI BRUGHERIO
Il grazie di prima diventa allora un incoraggiamento anche per i 15 brugheresi che, secondo gli ultimi dati ricevuti, sono positivi e stanno affronando questa battaglia. Come sempre non ci interessa sapere nome, cognome o luogo di residenza... ci interessa che loro guariscano presto e che questo numero non aumenti (e questo, permettetemi di dirlo ancora una volta, dipende da noi).

3) NUOVE REGOLE PER L'ACCESSO AGLI UFFICI DEL COMUNE
Come vi avevo già anticipato nelle slide di ieri, da domani cambiano le modalità di accesso al Comune. Si fa tutto online e c'è un solo numero di telefono da chiamare, lo 039 28931.

4) IL SERVIZIO ALLE PERSONE PIU' FRAGILI
Ci abbiamo lavorato tutto il weekend, domattina sarò pronto a presentarvi il progetto di assistenza per le persone più fragili che avranno bisogno di una mano per qualche acquisto o anche solo per qualche attenzione particolare.

5) RESTIAMO IN CONTATTO
Abbiamo deciso di mettere a disposizione un nuovo strumento di contatto tra noi. Avremmo dovuto lanciarla nelle prossime settimane, insieme al nuovo sito, ma anticipiamo l'uscita dell'APP Comune Facile, con la quale potrete ricevere le notifiche sul cellulare dal Comune.
Scaricatela su iTunes e Google Play, impostate il Comune di Brugherio come preferito e... da domani potreste ricevere qualche messaggio anche qui.

Allora buona serata, grazie ancora a tutti (davvero di cuore!) e a domani!

Il Sindaco

 

 

AGGIORNAMENTO 14 marzo ore 16.00

UNA SINTESI DI TUTTE LE MISURE IN VIGORE

Come vi avevo annunciato stamattina, sono finalmente pronto a presentarvi le slide con tutte le misure nazionali e locali in vigore al momento.

Sono cresciute nel numero rispetto alla "prima edizione" perchè nel frattempo sono state sistemate tante cose.

Spero possano esservi utili per orientarvi... buona lettura!

Slide misure nazionali e locali.pdf

Il Sindaco

AGGIORNAMENTO 14 MARZO ore 09.00

I GIORNI DECISIVI

Buongiorno!

Come ci stanno dicendo le persone sicuramente più esperte di noi, entriamo nei giorni decisivi per invertire la continua crescita dei contagi da coronavirus.

Questo weekend sarà quindi fondamentale e, da questo punto di vista, un po' la pioggia ci aiuta ad evitare ancora di più di uscire se non per le necessità urgentissime e nient'altro.

Siamo in bilico, insomma, e si alternano notizie belle a notizie meno piacevoli. Facciamo un veloce punto della situazione.

1) BUONE NOTIZIE DA TERAMO
Sono molto contento di potervi annunciare che i nostri concittadini hanno lasciato l'ospedale! Sono ora a casa, a continuare le cure, ma davvero ci voleva una bella notizia...

2) PRONTI PER ATTIVARE GLI AIUTI ALLE PERSONE PIU' FRAGILI
Dopo le riunioni di ieri con il personale del Comune e con le associazioni, oggi e domani lavorerò alla costruzione della parte grafica e strutturale del progetto di aiuto per le persone più fragili che, dovendo stare a casa, hanno bisogno di una mano per la spesa e altro; ve lo presenterò lunedì

3) DIAMO UNA MANO A CHI DA' UNA MANO
Dopo avervi presentato la raccolta fondi della Croce Rossa per le attività che stanno svolgendo in aiuto a tutti noi, vi rilancio con altrettanta forza la richiesta che arriva della Croce Bianca, che ha bisogno del nostro aiuto per acquistare i presidi, le tute, i disinfettanti per le ambulanze e i dispositivi di protezione per i nostri volontari e dipendenti per combattere al meglio questa emergenza; potete fare le vostre donazioni qui:

raccolta fondi croce bianca

4) ACCORDO GOVERNO - SINDACATI
E' una notizia importante anche quella che arriva da Roma rispetto all'intesa tra Governo, sindacati ed imprese, che consentirà alle imprese di tutti i settori, attraverso il ricorso agli ammortizzatori sociali e la riduzione o sospensione dell'attività lavorativa, la messa in sicurezza dei luoghi di lavoro, un tema molto sentito anche a livello locale.

5) LA SOLIDARIETA' DIGITALE
In questo periodo, ci sono tante imprese e associazioni che hanno messo e metteranno a disposizione servizi gratuiti per i cittadini, per facilitare l'accesso da casa a servizi utili. Trovate tutto qui: solidarietà digitale

Infine: sono anche pronte le slide con il dettaglio di tutti i provvedimenti in vigore, che vi presenterò nel post che pubblicherò nel primo pomeriggio.

Buona giornata!

Il Sindaco


AGGIORNAMENTO 13 MARZO ore 20.25

A PROPOSITO DI SANIFICAZIONE

Buonasera.

Avrei voluto raccontarvi tante cose importanti nel post di fine giornata:
- buone notizie che arrivano da Teramo
- l'aggiornamento dei numeri dei contagiati in Regione (ancora un aumento dei positivi, siamo a 9.820, ben 1.095 in più rispetto a ieri, 890 persone morte in totale, 650 in terapia intensiva, 2.650 in isolamento domiciliare, quindi 600 in più di ieri)
- i primi controlli sul territorio, con sanzioni, chiusure di attività aperte in contrasto alla regole e la raccolta di nomi che erano in giro per motivi non riconducibili a quelli previsti dalle norme
- il lavoro che abbiamo fatto per arrivare al progetto di aiuto alle persone più fragili, che vi presenterò lunedì.

Ma oggi su tutti vale un solo argomento, rispetto al quale sono stato letteralmente sommerso: quando si fa la sanificazione e la pulizia straordinaria delle strade di Brugherio?

Su questo voglio dire una parola chiara una volta per tutte.

Ripartiamo da una cosa essenziale, che recupero dal sito del Ministero della Salute che ci ricorda che "il coronavirus si diffonde principalmente attraverso il contatto stretto con una persona malata. La via primaria sono le goccioline del respiro delle persone infette ad esempio tramite la saliva, tossendo e starnutendo, contatti diretti personali e le mani".

Un'altra cosa che ci dice il Ministero della Salute che è che il virus circola alcune ore, poi scompare.

Se queste sono le modalità di trasmissione del coronavirus, a cosa serve fare una pulizia straordinaria di strade e marciapiedi?

E a cosa serve farla ora, che le persone comunque devono essere in casa?

E ogni quante ore andrebbe fatta, per evitare che si possa diffondere al passaggio di ogni singola persona?

Credetemi, non sono domande fatte tanto per... e infatti il Presidente della Provincia di Monza ha informato tutti i Sindaci che stamattina in Regione, alla presenza delle autorità sanitarie, è stato detto ai Sindaci di non muoversi prima dell'arrivo di eventuali linee guida della Regione e dell'ATS stessa.

Eventuali, perchè ad oggi NESSUNO ha certificato l'utilità di una operazione di questo tipo.

E permettetemi di fare anche un esempio molto concreto: in un Comune della Brianza dove in un weekend era stata fatta la sanificazione degli uffici comunali, qualche giorno dopo hanno avuto un caso di dipendente comunale positivo al coronavirus.

Quindi la risposta, molto semplice, alla domanda che in tanti mi avete fatto oggi è: NO, fino a che non arriveranno (se mai arriveranno) informazioni ufficiali da Regione ed ATS, come da indicazione del Presidente della Provincia non è prevista nessuna sanificazione.

E' prevista solo, da parte di CEM ambiente, l'aggiunta di prodotti igienizzanti nell’acqua della pulizia strade.

Chiaramente non mi permetto di giudicare le scelte fatte da Comuni più o meno grandi e più o meno vicini, ci mancherebbe ma, per quel che mi riguarda, attendo indicazioni ufficiali dalla Regione.

Spero di essere stato chiaro anche stavolta.

Siccome credo di avervi fatto capire da giorni ormai che su questo tema non banalizzo, non scherzo e vi racconto sempre le cose come stanno, penso che il mio ruolo mi imponga una risposta netta su una questione che non serve a diminuire i contagi.

I contagi, devo ribadirlo ancora una volta, diminuiscono se tutti noi facciamo delle scelte consapevoli; ancora in troppe situazioni tanti cittadini mi hanno segnalato persone in giro per nessun motivo.

Buona serata!

Il Sindaco



AGGIORNAMENTO 13 MARZO ore 09.25

CORONAVIRUS: LA SITUAZIONE IN LOMBARDIA

Buongiorno!

Nel mio post di ieri sera vi ho riportato i dati sulla situazione in Lombardia forniti dall'Assessore Gallera.

In risposta al post, ho ricevuto anche la richiesta di un aggiornamento costante del numero di casi positivi a Brugherio.

A questo proposito, vorrei presentarvi questa mattina uno strumento che Regione mette a disposizione di tutti noi, aggiornato giornalmente intorno alle 17, che indica la situazione in tutta Lombardia e vi consente poi di selezionare i dati per Provincia e vedere così quelli Comune per Comune.

Questo cruscotto sarà alimentato dai dati che arriveranno da ospedali, laboratori di analisi e altri uffici.

Vi invito però ancora una volta a guardare a questi dati non con la curiosità di sapere "semplicemente" quanti sono i casi positivi a Brugherio e iniziare a chiedere nomi, cognomi, residenza, foto segnaletiche per capire se lo avete incrociato per strada, ma piuttosto per ricordare ancora una volta che che il calo dei contagi e la possibilità di vedere quella linea in basso scendere in picchiata dipende dalle scelte di ognuno di noi.

Il sito della Regione lo trovate qui: https://bit.ly/38OzEs2

Buona giornata e a più tardi.

Il Sindaco.

 

 

AGGIORNAMENTO 12 MARZO ore 19.25

“NON È IL MOMENTO DI COMMENTARE, MA DI ATTUARE”

E’ terminata poco fa la quotidiana conferenza stampa di aggiornamento dell’Assessore regionale Gallera, che ha fatto il punto a 21 giorni dall’inizio di questa emergenza che sta investendo tutta l’Italia.

Vorrei anche io ora, anche sulla base di quello che ho sentito poco fa, vorrei provare a fare una sintesi rispetto alle domande e considerazioni, critiche e apprezzamenti che sto ricevendo come commenti ai post, via mail, via messanger, via WathsApp e altro.

UN COMMENTO ALLE MISURE PRESE FINORA
Il titolo di questo post richiama proprio le parole di inizio conferenza stampa dell’Assessore; commentando le decisioni di ieri del Governo, Gallera ha detto che ci si aspettava e si poteva fare qualcosa di più, ma ha ribadito una posizione chiara: “questo non è il momento di commentare, piuttosto quello di attuare quello che è stato deciso”.
L’ho già scritto altre volte, l’ho già fatto capire e ora lo scrivo in maniera ancora più esplicita: io credo che fosse necessario da tempo stabilire una linea dura di chiusura totale (la diminuzione del numero di contagi della ex zona rossa di Lodi lo dimostra), ma sulla base delle decisioni prese è il momento di fare noi le scelte personali, come ho scritto sui pannelli presenti in città e come vi ho detto ieri nella telefonata che avete ricevuto se siete iscritti ad Alert System (altrimenti fatelo qui: https://bit.ly/2IJbGE2).
E quindi… anche io non capisco il perché di tante decisioni, però ancora una volta vi invito ad un cambio di prospettiva: anziché domandarsi “perché è aperto questo, perché è aperto quello, perché si dice di stare a casa ma si può fare questo, perché di su, perché di giù”, che sono tutte obiezioni spesso fondate e legittime, perché semplicemente ognuno di noi non SCEGLIE di stare a casa, salvo che debba andare al lavoro, abbia una necessità urgente o una visita medica da fare?

I NUMERI
Evitare di contagiare, evitare di essere contagiati, stare a distanza. E’ questa la cosa più importante. I numeri dei positivi sono ancora alti (8.725 oggi in Lombardia, 1.445 in più rispetto a ieri), sono ancora alti i ricoverati (4.246, con una crescita rispetto a ieri di 395 persone), di queste ben 605 sono in terapia intensiva (alcuni ospedali sono alla saturazione), e ci sono stati finora 744 decessi (127 morti in più rispetto a ieri).
Sono questi numeri che dicono perché è ancora urgente stare a casa, ed evitare ogni occasione di contagio.

LE MISURE ECONOMICHE
Spesso (e come dicevo prima a ragione) l’obiezione rispetto alle decisioni del Governo deriva dal fatto che la chiusura delle attività sta mettendo in ginocchio commercianti, baristi, ristoratori, imprenditori, liberi professionisti, artisti, sportivi, partite IVA etc.
E’ vero, ed è per questo motivo che si attende con grande fiducia la formalizzazione delle misure economiche che il Governo ha predisposto e presentato a tutte le forze politiche. Il consiglio dei ministri che le approverà dovrebbe svolgersi domani, dopo l’autorizzazione dell’Europa ad uno sforamento dei conti di 25 miliardi per finanziare i provvedimenti.

LE DOMANDE PIÙ GETTONATE
In questi giorni continuo a rispondere ad alcune domande che si rincorrono di continuo, in particolare rispetto all’autocertificazione per gli spostamenti.
Ribadisco il concetto: non serve avere con sé il modulo, perché vi sarà chiesto di compilarlo solo davanti all’autorità che vi ha fermato per il controllo. Ma ricordatevi: vi chiederanno di compilarlo pienamente consapevoli della responsabilità penale di quello che dichiarate, perché se ad un successivo controllo dovesse risultare (faccio un esempio) che avete dichiarato di andare al lavoro e invece eravate in giro tanto per… allora scatta la sanzione penale.
In ogni caso, vi invito ancora una volta a guardare la sezione delle FAQ sul sito del Governo (qui: https://bit.ly/38MQTtM) o della Regione (qui: https://bit.ly/2IGnXcn ) che vi aiuteranno a sciogliere i dubbi che avete.

I CONTROLLI (ANCHE A BRUGHERIO)
Chi controlla l’attuazione delle disposizioni del Governo? Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia stradale, Polizia provinciale e Polizia locale. Anche in questo caso ci sono responsabilità penale per il mancato rispetto non solo delle disposizioni sui trasferimenti, ma anche sul resto delle misure del DPCM… e vi assicuro che sono già scattate delle sanzioni anche a Brugherio rispetto ad alcune attività che non avevano chiuso come invece era previsto.

IL SUPPORTO A CHI HA BISOGNO
Domani mattina, insieme ai dipendenti che si sono resi disponibili (e che ringrazio!) completiamo la progettazione del sostegno alle persone sole o in difficoltà, che dovendo stare a casa hanno bisogno di una mano per i medicinali, i pasti o altro. Abbiamo però già attivato dei pasti a domicilio e incrementato le ore di assistenza domiciliare agli anziani che già normalmente sono seguiti dal Comune.
Fatemi ringraziare le associazioni che si sono già rese disponibili, le farmacie comunali che saranno coinvolte nel progetto e fatemi anche dire grazie a tutti i singoli cittadini che mi stanno inondando di mail con la loro disponibilità ad occuparsi degli altri. Ho risposto alle singole mail, dicendo a tutti che saranno ricontattati.
Preferisco andare cauto su questo progetto, perché dobbiamo mettere in sicurezza sanitaria sia chi riceverà l’aiuto sia chi si vuole prodigare per loro.

Sono stato lungo anche stasera, lo so. Tanti miei colleghi Sindaci preferiscono la formula del video, ma io credo sia utile lasciare traccia, anche per una rilettura, di quello che è importante sapere.

A proposito di colleghi, fatemi finire con l’augurio di una rapida guarigione al Sindaco di Triuggio, Pietro Cicardi, che da oggi è a casa perché positivo al coronavirus. Forza, Pietro!

Buona serata e a domani.




AGGIORNAMENTO 12 MARZO ore 09.10

UN NUOVO DPCM DEL GOVERNO

Buongiorno!

Come vi avevo anticipato ieri, era nell'aria un nuovo provvedimento più restrittivo del Governo, che è poi stato annunciato in tarda serata dal Presidente del Consiglio.

Cosa dice il provvedimento, che vale per tutta l'Italia?

- sono sospese le attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità, che sono dettagliatamente indicate in un allegato al DPCM

- restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie

- sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie); resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto

- sono sospese le attività inerenti i servizi alla persona (fra cui parrucchieri, barbieri, estetisti) diverse da quelle individuate in un altro allegato al DPCM

- è dato mandato ai Presidenti delle Regioni di valutare la riduzione del trasporto pubblico locale e al Ministro delle Infrastrutture di ridurre il trasporto ferroviario, aereo e marittimo

- per quanto riguarda le attività produttive professionali il Governo chiede alle mprse di attuare il lavoro da casa o a distanza, che siano incentivate le ferie, che siano sospese le attività dei reparti aziendali non indispensabili alla produzione, che si attivino protocolli di sicurezza anti-contagio e siano forniti gli strumenti di protezione individuale

Vi invito, ancora di più questa volta, a leggere con attenzione il testo del DPCM, con particolare riferimento agli allegati che indicano cosa resta aperto e cosa chiude; il testo lo trovate qui: https://bit.ly/2W54t9j

Resta confermato a Brugherio quello che vi ho scritto ieri: parchi chiusi, mercati sospesi, accesso agli uffici comunali solo su appuntamento.

Appuntamento a più tardi per altri aggiornamenti; buona giornata!

Il Sindaco




AGGIORNAMENTO 11 MARZO ore 17.45

Chi ha seguito fin dai primi giorni gli aggiornamenti pubblicati questa pagina, sa che spesso ho scritto che le disposizioni del Governo sul coronavirus non davano molto spazio al potere dei Sindaci di aggiungere disposizioni più locali.

Con l'ultima integrazione dei giorni scorsi, il Governo ha indicato ancora più chiaramente il vincolo del divieto di assembramento e la necessità di uscire di casa il meno possibile.

Avete di sicuro letto che i numeri di contagi in Lombardia molto probabilmente porteranno a nuove misure ancora più restrittive nella nostra Regione, e questa è la richiesta che il Presidente Fontana ha rivolto proprio oggi ufficialmente al Presidente Conte.

Intanto che aspettiamo le decisioni di Palazzo Lombardia e di Palazzo Chigi, oggi ho però firmato un'ordinanza che, sulla base delle più recenti disposizioni e fino al 3 aprile:

- definisce nuove modalità di accesso agli uffici del Comune;
- stabilisce la chiusura di tutti i parchi comunali;
- sospende tutti i mercati del mercoledì, giovedì e venerdì nei quartieri e quello del sabato in centro, per tutti i banchi alimentari e non alimentari;
- chiude alcuni servizi, a tutela delle persone più fragili, che quindi rischiano di più di essere esposte al contagio.

Il testo dell'ordinanza lo trovate qui: ordinanza.pdf

Chiudo con una richiesta che mi sento di farvi, a questo punto.

Indipendentemente dal (legittimo) giudizio che ognuno di noi può avere sui contenuti delle diverse norme, comprese le evidenti incongruenze che hanno, perchè non iniziamo a SCEGLIERE PERSONALMENTE come comportarci?

Perchè non scegliamo di badare alla nostra salute e a quella degli altri, semplicemente accogliendo la richiesta di stare a casa e quindi di uscire solo se è strettamente necessario?

Genitori, posso permettermi di chiedervi di convincere i vostri figli a non uscire alla sera, per lo stesso motivo?

Il Sindaco

 

AGGIORNAMENTO 10 MARZO ore 10.30
 
CHIUSURA UFFICI AL PUBBLICO


Da mercoledì 11 marzo gli Uffici comunali sono aperti al pubblico solo su appuntamento in caso di urgenza.



AGGIORNAMENTO 10 MARZO ore 22.00

LE NOVITA' DELLA GIORNATA

Buonasera, prima di spegnere il computer, uscire dall'ufficio e andare a casa, un velocissimo punto sulle novità della giornata.

Ancora una volta la solita premessa di questi giorni: quello che abbiamo deciso oggi deriva dall'invito a stare a casa il più possibile!

1) ORGANIZZAZAZIONE UFFICI
Da domani vi invitiamo ad utilizzare tutti i servizi online del Comune e di contattare gli uffici via mail o al telefono per qualunque richiesta e necessità.
Di conseguenza tutti gli uffici sono chiusi all'accesso pubblico, che avverrà solo su appuntamento fissato da noi, se non riusciremo ad accontertarvi attraverso gli strumenti online.

2) PARCHI CHIUSI
Sulla base delle nuove disposizoni del Governo di ieri sera, per evitare gli affollamenti, domani mattina firmerò un'ordinanza con la quale, tra le altre cose, chiuderò tutti i parchi della città. Una scelta che molti di voi nei commenti mi hanno proposto, che considero anche un po' dolorosa, ma necessaria visto che l'appello ad uscire il meno possibile non sempre è stato ascoltato.

3) IL GOVERNO RISPONDE
Ci sono tante domande che continuate a farmi rispetto all'applicazione del DPCM. Il Governo da oggi ha messo sul sito una sezione con domande e risposte, che inizia ad orientarvi rispetto alle questioni più "gettonate". Le risposte sono qui: https://bit.ly/39FRbnJ

4) L'INCONTRO CON IL PREFETTO
La videoconferenza dei Sindaci con il Prefetto ci ha consentito di chiarire alcuni aspetti problematici del DPCM; domani il Prefetto ci ha assicurato una risposta ufficiale agli argomenti che abbiamo affrontato con lei, che mi aiuteranon a completare le slide che vi proporrò domani sera

5) ATTIVITA' COMMERCIALI
Oggi, anche a Brugherio, alcune realtà commerciali e alimentari hanno responsabilmente fatto la scelta di chiudere, per assecondare la richiesta del Governo di tenere in casa le persone; una scelta sicuramente coraggiosa, che si merita come corrispettivo che il Governo domani (come è ipotizzato) vari finalmente il provvedimento a supporto delle situazioni di crisi che stanno derivando dal coronavirus

6) SOLIDARIETA'
Grazie, grazie davvero, ai cittadini e alle realtà del territorio che si stanno rendendo disponibili per dare una mano alle persone più fragili che, restando in casa, non possono fare la spesa o si sentono sole. Ci stiamo preparando ad organizzare il servizio per loro; se intanto avete voglia anche voi di darci una mano o dovete segnalarmi urgenze per persone in difficoltà, scrivetemi a troiano@comune.brugherio.mb.it

7) CHI CONTROLLA?
E' una domanda che mi state facendo in tanti. Oggi la Questura ha predisposto il programma di controlli rispetto all'attuazione del DPCM, e probabilmente alcuni di voi sono già stati fermati per la verifica degli spostamenti. Aumenteranno anche nella nostra città.

Grazie per l'attenzione e a domani! Buona serata a voi.

PS: nonostante la situazione sia molto difficile, so che qualcuno si diverte ancora con le fake news... quindi NO, non c'è in programma nessuna disinfestazione con l'elicottero stanotte in città

Il Sindaco

 

 

AGGIORNAMENTO 10 MARZO ore 09.07

IL PUNTO DELLA GIORNATA

Buongiorno!

Faccio con voi un veloce punto della situazione e di quello che succederà oggi:

- come vi avevo già anticipato, anche oggi gli uffici comunali sono chiusi al pubblico: stamattina incontrerò (in gruppi distinti) tutti i dipendendi comunali, per definire la nuova organizzazione degli uffici da qui al 3 aprile

- nel pomeriggio è fissato un incontro in streaming con il Prefetto, dal quale speriamo di ricevere indicazioni chiare che mi consentano di rispondere alle tante domande che mi state facendo

- come sapete, ieri il Presidente Conte ha firmato un nuovo DPCM, che estende a tutta l'Italia le misure restrittive previste per la Lombardia e inserisce il divieto di "ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico"

- sulla base di questa nuova disposizione e dopo il confronto con il Prefetto, non escludo di poter potenziare (ora anche in materia autonoma) le disposizioni nazionali, per rendere ancora più chiaro il concetto dello "state a casa"

Sarà anche questa una lunga giornata, dalla quale scaturiranno decisioni importanti, che vi racconterò in serata.

Buona giornata!

Il Sindaco




AGGIORNAMENTO 09 MARZO ore 19.50

"DOBBIAMO SCEGLIERE CHI CURARE E CHI NO. COME IN GUERRA. STATE A CASA!"

Buonasera a voi, premetto che anche questa volta dovrò chiedervi la pazienza di leggere un lungo post, ma quasi alla fine di questa giornata piuttosto difficile ho tante cose da dirvi, anche per rispondere ai tantissimi messaggi che mi state mandando.
Faccio una sintesi spero chiara di tutto.

1) LA MOBILITA'
Nonostante il post di stamattina, devo ritornare sul tema della mobilità perchè in tantissimi mi avete chiesto informazioni.

Ripeto il concetto: la domanda da farsi non è "posso andare?", ma "devo proprio?".

Vi ho già scritto che il DPCM è chiaro: ci si muove per lavoro, ci si muove per necessità (anche andare a fare la spesa è una necessità, ovvio), ci si muove per motivi di salute. Per il resto si evita di muoversi, di stare in giro.

Allora non posso passeggiare? Non posso andare al bar? Non posso uscire con gli amici e ritrovarmi in piazza?

La risposta a queste domande è sempre la stessa, e ce la dà Christian Salaroli, anestesista rianimatore a Bergamo nel titolo di questo post: i contagiati dal coronavirus crescono in tutta Italia a ritmo di 1.000 - 1.500 al giorno, e siamo ormai al dover scegliere, negli ospedali lombardi, chi curare chi no.

Cosa ci serve ancora per capire che l'indicazione di stare a casa serve ad evitare le occasioni di incontro e di contagio, per evitare che gli ospedali collassino?

Prima di chiedere agli altri se posso fare la passeggiata, la corsetta, un salto da un amico, un giro con la fidanzata etc... rispondiamo sempre alla domanda: "ma devo proprio?"

2) IL MODULO PER MUOVERSI
Sulla base di quello che vi ho scritto sopra, capite allora a cosa serve il famoso modulo che gira da tutto il giorno (e che trovate anche qui: https://bit.ly/335Pu08).

Il modulo serve per quando sarete in giro e sarete fermati per i controlli previsti dal DPCM, ma non dovete produrlo voi.
Ve lo faranno compilare al momento le autorità che vi hanno fermato e, consapevoli della responsabilità penale che vi assumete, dichiarerete per quale motivo eravate in giro in QUEL momomento preciso.


Perchè scrivo "consapevoli delle responsabilità penali"? Perchè se non sarete in giro per uno dei motivi previsti dal DPCM (lavoro, salute, necessità) potreste incorrere in una sanzione penale.

E questo non perchè l'autorità è cattiva, non perchè non ci si può muovere, ma per il motivo del punto 1: perchè stare in giro e creare assembramenti è un danno alla vostra salute e a quella degli altri!

3) COME SIAMO MESSI A BRUGHERIO
ATS ci ha fornito oggi i dati aggiornati delle persone di Brugherio in ospedale perchè colpiti dal coronavirus: oltre alla famiglia ricoverata a Teramo, abbiamo altri 4 casi certificati di persone ammalate. Il più giovane ha meno di 35 anni! E gli altri non superano i 60 anni!

Devo aggiungere altro, per farvi capire che stiamo parlando di una cosa che quindi ci riguarda tutti?

E allora ripensate alla domanda del punto 1: dovete proprio uscire?

4) PIZZERIE, RISTORANTI, BAR, NEGOZI, CENTRI ESTETICI, OSTEOPATI, PARRUCCHIERI ...
Lo so, vi avevo promesso qualche risposta su questi temi, ad integrazione di quello che vi avevo scritto in questi giorni.

Ma oggi è stata una lunga giornata di attesa di chiarimenti che non sono arrivati ai Sindaci dagli organi superiori... mi spiace, dovete aspettare ancora...

5) SERVIZI E UFFICI COMUNALI
Per lo stesso motivo del punto 4, non posso ancora rispondere ad alcune questioni che riguardano l'organizzazione dei servizi che potremo offrirvi da qui al 3 aprile; per questo motivo GLI UFFICI COMUNALI SARANNO CHIUSI AL PUBBLICO ANCHE DOMANI, con la speranza di riuscire entro domani sera a darvi un quadro più chiaro della situazione.

6) COME CONTATTARMI
Non l'ho ancora fatto, quindi permettetemi di ringraziarvi per l'attenzione che riservate a questi post, sempre molto letti e commentati.

Vi chiedo un favore: potete scrivermi solo alla mail ufficiale del Comune? E' questa: troiano@comune.brugherio.mb.it

Grazie, buona serata e a domani!

Il Sindaco



AGGIORNAMENTO 09 MARZO ore 10.05

"POSSO MUOVERMI?"

Buongiorno!

Mentre vi ricordo che oggi gli uffici comunali sono chiusi al pubblico, per darci modo di programmare l'attivià dei prossimi giorni a partire dal nuovo DPCM del Governo, stamattina vorrei tornare sul punto di novità più importante del decreto stesso.

Mi riferisco ovviamente alla misura che ci invita ad "evitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dalla Lombardia e all'interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o spostamenti per motivi di salute".

Rispetto a questa norma mi avete scritto in tanti ieri, chiedendomi se ci si può muovere per andare a Monza, a Sesto, a Milano, se ci si può muovere solo per lavoro o per altri motivi, se si può andare a trovare un parente in un'altra città o ritrovarsi da un'altra parte con gli amici...

Ieri sera il Ministro dell'Interno ha firmato delle istruzioni operative per i Prefetti (che sono i responsabili dell'esecuzione del DPCM), nelle quali è ulteriormente chiarita questa norma.

Gli spostamenti sono possibili per "l'effettiva sussistenza di esigenze lavorative", o ancora quando "lo spostamento è preordinato allo svolgimento di una attività indispensabile per tutelare un diritto primario" e infine per motivi di salute che presuppongono che ci si debba spostare in un altro Comune "per sottoporsi a terapie e cure mediche".

Il Ministro ricorda poi che la sanzione prevista dal DPCM è di tipo penale, come previsto dall'articolo 650, che dice che "Chiunque non osserva un provvedimento legalmente dato dall'Autorità per ragione di giustizia o di sicurezza pubblica, o d'ordine pubblico o d'igiene, è punito, se il fatto non costituisce un più grave reato, con l'arresto fino a tre mesi o con l'ammenda fino a duecentosei euro".

Fatta questa lunga presentazione inziale del documento, torniamo alle solite questioni.

La domanda vera non è, ancora una volta, cosa posso fare, perchè non posso muovermi, dove devo andare, perchè non posso essere libero di vedere chi voglio...

La riflessione da fare allora è, ancora una volta, la solita: le misure approvate sono molto rigide e importanti, però hanno bisogno di un’alleanza con le persone, perchè negli ultimi giorni i contagi aumentano di almeno 1000 casi al giorno, e di questo passo sarà il collasso del sistema sanitario.

Dobbiamo essere consapevoli di questo, molto semplicemente. Ed evitare di uscire e stare a a casa ci serve proprio per far diminuire le occasioni di contagio.

Allora anche la norma che ieri ha fatto tanto impressione avrà un senso diverso, se la leggete in questi termini.

Il Sindaco

AGGIORNAMENTO 08 MARZO ore 20.15

UNA VELOCE E PROVVISORIA SINTESI

Rieccomi!

In attesa degli approfondimenti che aiuteranno noi Sindaci ad indicarvi i comportamenti più corretti per seguire in pieno l'ordinanza, vi lascio qui un veloce prospetto di sintesi sui contenuti del DPCM.

Domani, dopo le riunioni interne al Comune e quelle con gli altri rappresentanti delle istituzioni coinvolte, vi presenterò le slide complete, che spero possano anche rispondere alle tante domande che mi state facendo.

Per ora buona serata
Il Sindaco




AGGIORNAMENTO 08 MARZO ore 13.30

UNA PRIMA VALUTAZIONE DEL DPCM

Si è conclusa da poco la riunione con la Giunta e i dirigenti; abbiamo letto con attenzione i contenuti del DPCM firmato dal Presidente Conte questa notte, che trovate qui se volete leggerlo nel dettaglio: https://bit.ly/3awNTTI

Allora, proviamo a fare una prima valutazione dei contenuti del DPCM, con una premessa importante: il decreto è entrato in vigore solo pochi minuti fa, con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

1) QUELLO CHE E' CHIARO
- asili nido, scuole infanzia pubbliche e paritarie, scuole elementari, medie, superiori, professionali e università: lezioni sospese fino al 3 aprile;
- sospesi eventi, competizioni sportive ed allenamenti per tutti, ad eccezione degli atleti professionisti o assoluti che partecipano a giochi olimpici o manifestazioni nazionali;
- sospese attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri natatori, centri benessere e centri termali;
- chiusi cinema, teatri, pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discotete e locali assimilati;
- chiusa la biblioteca, i musei, i centri culturali, sociali e ricreativi;
- sospese messe, funerali, celebrazioni matrimoni sia civili che religiosi;
- limitazioni molto forti per l'accompagnamento ai malati che sono al pronto soccorso e per le visite ad anziani in RSA

2) ATTIVITA' COMMERCIALI
- sono consentite le attività di ristorazione e bar dalle 6 alle 18, con obbligo del rispetto della distanza di 1 metro e con sanzione della sospensione dell'attività in caso di violazione;
- le altre attività commerciali sono consentite a condizione che garantiscano l'accesso contingentato e il rispetto della distanza di 1 metro, con sanzione della sospensione dell'attività in caso di violazione e obbligo di tenere chiuso se non possono garantire questa distanza;
- medie e grandi strutture di vendita ed esercizi commerciali all'interno dei centri commerciali chiusi nei giorni festivi e prefestivi, mentre in settimana sono aperti a condizione che garantiscano l'accesso contingentato e il rispetto della distanza di 1 metro, con sanzione della sospensione dell'attività in caso di violazione e obbligo di tenere chiuso se non possono garantire questa distanza;
- la chiusura della domenica non si applica a farmacie, parafarmacie e punti vendita di generi alimentari, che devono comunque garantire il rispetto della distanza di 1 metro, con sanzione della sospensione dell'attività in caso di violazione

3) MUOVERSI IN LOMBARDIA
E' sicuramente il tema più "forte" tra quelli decisi dal Governo; l'indicazione è quella di "evitare ogni spostamento" che non derivi da attività lavorativa, situazioni di necessità o spostamenti per motivi di salute. Vi prego, non "inondatemi" di domande su questo punto, perchè servirà di sicuro qualche chiarimento dall'alto.

4) ANZIANI E PERSONE FRAGILI
Anche qui l'invito è chiaro: evitate di uscire di casa, salvo la stretta necessità, ed evitate comunque luoghi affollati.

5) COSA FANNO I COMUNI
Colgo l'occasione per ribadire un concetto che vale dall'inizio dell'emergenza: i Sindaci NON possono modificare con proprie ordinanze le decisioni del Governo, nè quindi aggiungere altre disposizioni più restrittive.

Da ultimo: come avrete capito, ci sono ancora tante cose da chiarire e tante indicazioni che i Sindaci si aspettano dal Governo, dalla Regione, da ANCI e dalla Prefettura, per poter rispondere a tutte le vostre domande. Ci hanno appena informato che sono in elaborazione a livello nazionale le linee guida per l’interpretazione concreta del DPCM, attese per il pomeriggio.

Il concetto di fondo però è sempre lo stesso: facciamo tutti la nostra parte, evitiamo affollamenti, usciamo solo se strettamente necessario, per fare in modo che non ci siano occasioni di contagio e che gli ospedali, già al collasso, non crollino definitivamente, mettendo ancora più a rischio tutti noi.

Vi aggiorno più tardi con altre informazioni sul DPCM, e vi anticipo fin d'ora che, per affrontare al meglio la situazione e gestire tutti i punti del nuovo decreto, DOMANI TUTTI GLI UFFICI COMUNALI SARANNO CHIUSI AL PUBBLICO.

A più tardi, buon pranzo!

Il Sindaco

AGGIORNAMENTO 07 MARZO ore 19.30

FORSE NON CI SIAMO CAPITI...

Mi spiace dover nuovamente pubblicare un post, dopo quello di stamattina che mi pareva già molto chiaro.

Nel giro di poche ore sono arrivate queste tre notizie:

1) la Protezione civile ha comunicato che in un solo giorno i malati di coronavirus sono passati dai 3.916 di ieri ai 5.061 di oggi (+29,24%), i morti sono saliti del 18,27%, dai 197 di ieri ai 233 di oggi, i guariti sono saliti del 12,62%, passando dai 523 di ieri ai 589 di oggi

2) il "coordinamento delle terapie intensive della Lombardia" in un documento Presidente della Regione ha comunicato che l'epidemia è ormai estesa a tutta la Regione; "si tratta di un evento grave che mette in pericolo la sopravvivenza non solo dei malati di Covid-19, ma anche di quella parte di popolazione che in condizioni normali si rivolge al sistema sanitario per le cure di eventi acuti o cronici di qualsivoglia natura"

3) nell'inconto con la Regione, i 12 sindaci dei Comuni capoluogo hanno chiesto al Governo "misure stringenti e rigorose": allargare la zona rossa, più divieti per gli esercizi commerciali, stretta sui trasporti pubblici

Capisco che la bella giornata, la voglia di sfogare le fatiche e le tensioni che stiamo vivendo e il desiderio di stare con le persone alle quali vogliamo bene ci portino ad affollare villa fiorita, il parco Increa, i bar e i centri commerciali... però davvero forse non ci stiamo rendendo conto che CONTENERE IL CONTAGIO DA CORONAVIRUS NON E’ UN PROBLEMA DEGLI ALTRI, MA E’ COMPITO DI TUTTI NOI!

Costa sacrificio, lo so. Ma anzichè chiedermi i numeri dei malati a Brugherio, anzichè lamentarsi per la multa ricevuta al parco Increa (avendo parcheggiato sotto ai cartelli di diveto di sosta), davvero dobbiamo renderci conto del momento che stiamo vivendo e di quello che ognuno di noi può fare per gli altri!

E' annunciato un nuovo DPCM del Governo, che probabilmente sarà ancora più restrittivo... ma davvero... aiutiamoci tutti, altrimenti non possiamo vincere questa sfida!

Il Sindaco



AGGIORNAMENTO 07 MARZO ore 09.15

"GLI ATTEGGIAMENTI RESPONSABILI"

Alt, vi fermo subito!

So che guardando l'immagine di questo post qualcuno di voi avrà immediatamente pensato "oggi è sabato, il Sindaco non sa cosa scriverci, quindi ci ripropone le solite immagini sui buoni comportamenti da avere in questi giorni".

E invece no, stamattina voglio proprio tornare su queste regole, che ormai conosciamo a memoria perchè ne sentiamo parlare spesso.

E torno a queste regole sollecitato da due fatti:
- nella conferenza stampa di ieri in Regione, l'assessore Gallera ha mostrato quattro slide che mostrano la velocità di diffusione del coronavirus in Lombardia nel giro di pochi giorni (le trovate qui, se non le avete viste: https://bit.ly/2xaccbF)
- i vostri commenti, sia pubblici che privati, ai miei post, sottolineano spesso, ve l'ho già scritto, la contraddizione di alcune norme (chiese chiuse ma bar aperti, centri commerciali aperti ma con l'invito a mantenere la distanza, scuole chiuse ma parchi affollati, niente sport ma mercato operativo, ...), i dubbi sul perchè serve evitare i contatti tra le persone, le critiche perchè le persone comunque continuano ad affollare i posti pubblici.

Allora riguardare queste indicazioni del Ministero ci aiuta ancora una volta. Riprendendo le parole degli esperti, ormai lo abbiamo capito tutti che limitare i contatti sociali è l'unico modo per rallentare i contagi, e rallentare i contagi è l'unico modo per evitare che il virus continui a correre a briglia sciolta e porti gli ospedali al collasso

E, come ci ha detto ieri l'assessore Gallera, "o assumiamo un atteggiamento individuale molto responsabile oppure non siamo in grado di valutare quando arriverà la discesa dei casi di contagio".

Quindi è questo il mio invito di stamattina: iniziamo singolarmente ad assumere gli atteggiamenti che ci consentono di preservare la salute nostra e degli altri.

Così facendo, avremo contribuito, nel nostro piccolo, a dare una mano a questa grande battaglia che sta combattendo il nostro paese!

Il Sindaco



AGGIORNAMENTO 05 MARZO ore 08.45
 
LE VOSTRE DOMANDE E LE MIE RISPOSTE

 

Buongiorno!

Prima di leggere, anche con l'aiuto dei tecnici comunali, il testo del DPCM di ieri sera e dirvi così cosa succederà nei prossimi giorni, provo in questo post a fare una sintesi delle domande che mi state facendo.

 

1) PAGAMENTO RETTA ASILI NIDO
Questa è di gran lunga la domanda più "gettonata", quindi la risposta sarà molto molto chiara. Per le famiglie che non beneficiano di "nidi gratis", applicando il nuovo regolamento che abbiamo appena approvato in consiglio comunale, questi giorni di chiusura e sospensione NON saranno pagati se si frequentano i nidi comunali e i posti convenzionati col Comune nei nidi privati della città; non è nostra competenza decidere invece sul pagamento o meno nei posti nidi totalmente privati.

 

2) VISITA AI PARENTI NELLE RSA
Anche su questo ho ricevuto tante domande; come vi ho anticipato ieri, il nuovo DPCM fissa dei criteri che erano già operativi in questi giorni, anche nelle RSA della città. E' chiaro che è complicato per tutti rinunciare alla visita al proprio caro, ma è chiaro anche che sono proprio i nostri cari più fragili le persone che stiamo cercando di tutelare... quindi la rinuncia alla visita deriva dalla volontà di preservare questi luoghi da potenziali diffusioni di virus che arrivano da fuori.

 

3) PULIZIA AGGIUNTIVA DELLE SCUOLE
Ieri è arrivata la prevista nota di ATS, che stiamo leggendo con attenzione, perchè invita non ad una sanificazione straordinaria, ma semplicemente ad una costante operazione di pulizia; la ragione è del resto evidente, perchè non serve a nulla una sanificazione una volta e basta.

 

4) LO SPORT
Perchè è così difficile decidere sulle attività sportive? E' la domanda che mi fanno in tanti... e la risposta è piuttosto semplice. Perchè l'attività sportiva è una di quelle che presuppone un contatto diretto e ravvicinato tra le persone (pensate non solo agli sport di squadra, ma anche alla condivisione di spogliatoi) e poi perchè è difficile immaginare che i ragazzi stiano a casa da scuola e poi al pomeriggio entrino nelle palestre delle scuole che non possono frequentare al mattino. Ci sono federazioni sportive (ad esempio la pallavolo) che responsabilmente hanno deciso di tenere la linea che se sono chiuse le scuole si chiudono anche le attività sportive, ce ne sono altre che premono un po' di più per la riapertura.

 

5) LE PERSONE AL CENTRO
Insomma, lo avrete capito... le regole a volte ci possono convincere, a volte un po' meno e ognuno di noi si sta facendo giustamente la propria idea. Ma il concetto che c'è dietro alle difficili e a voltre straordinarie decisioni che il Governo sta prendendo è quello indicato dalle autorità sanitarie: la diffusione del virus si combatte evitando le occasioni di scambi ravvicinati tra le persone... ci costa un po' in termini di relazioni sociali, ma ora abbiamo bisogno di preservare il valore della salute.

Buona giornata!

Il Sindaco

 

AGGIORNAMENTO 04 MARZO ore 20.00

 

UN NUOVO DECRETO DEL GOVERNO


Come vi avevo anticipato stamattina, è alla firma il nuovo decreto del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che definisce le misure per contrastare e contenere il coronavirus sull'intero territorio nazionale.

Ho letto il testo di questo decreto pubblicato sul sito di ANCI (lo trovate qui: https://bit.ly/32OBxUo) e non è escluso che entro la fine di questa giornata sia pubblicato sul sito del Governo.

 

Nel decreto ci sono cose che abbiamo già sentito in queste ore, prima tra tutte la SOSPENSIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI PER L'INFANZIA E DELLE ATTIVITA' DIDATTICHE NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO FINO AL PROSSIMO 15 MARZO, ma non solo.

C'è una nuova (l'ennesima!) versione delle misure da prendere per le ATTIVITA' SPORTIVE, ci sono norme sulle MANIFESTAZIONI e sugli EVENTI, sulle VISITE dei PARENTI nelle RSA.

Ci sono, ancora, delle misure che si applicheranno fino al prossimo 3 aprile e, da ultimo, c'è l'indicazione che alcune misure del decreto di domenica scorsa continuano ad applicarsi, mentre altre no.

 

Insomma... abbiamo bisogno di un momento per ricostruire per bene il quadro delle decisioni; ci diamo appuntamento a domani, quando vi racconterò anche alcune cose su altri temi, rispondendo così alle domande che mi state facendo in privato via mail o qui su facebook.

 

Buona serata!

 

Il Sindaco

 



AGGIORNAMENTO 04 MARZO ore 08.15

 

LE NOVITA' DELLA GIORNATA

 

Buongiorno, sono giorni di decisioni importanti, che si stanno prendendo a Roma in merito alla gestione del coronavirus in Italia.

 

I giornali annunciano per oggi un nuovo decreto del Presidente Conte con nuove misure sanitarie che dovrebbero scattare in tutta Italia e poi domani un nuovo Consiglio dei Ministri per il decreto con le misure economiche per far fronte a questa situazione.

Intanto tre aggiornamenti anche rispetto a Brugherio:

 

1) BIBLIOTECA: come vi avevo già scritto, riapre oggi esclusivamente per il prestito e la restituzione, con ingresso dal cortile della lettura e accesso scaglionato solo all'atrio e al bancone di ricevimento del piano terra per completare le operazioni di prestito; le sale di studio, come pure gli altri spazi e servizi della biblioteca rimangono chiusi al pubblico.

 

2) SPORTELLO POLIFUNZIONALE: per esigenze organizzative interne, lo sportello polifunzionale sarà chiuso oggi pomeriggio.

 

3) SPORTELLO CIRFOOD: anche lo sportello per il servizio mensa scolastica di via Filzi sarà chiuso oggi e riaprirà lunedì prossimo.

 

4) ATTIVITA' SPORTIVE: siamo ancora in attesa di indicazioni chiare rispetto alla ripresa delle attività sportive, che ad oggi restano quindi sospese nella nostra città.

 

Buona giornata a voi!

Il Sindaco



AGGIORNAMENTO 03 MARZO ore 08.00 

 

TRA TERAMO E BRUGHERIO

 

Anche il resto della famiglia del brugherese ricoverato a Teramo si trova ora in ospedale perchè, come forse avevate letto, purtroppo anche la moglie e i figli, qualche giorno dopo il papà, sono risultati positivi al coronavirus.

Ieri però l'ASL di Teramo ci ha dato buone notizie, scrivendo che i nostri concittadini "sono in buone condizioni di salute: non hanno febbre e respirano autonomamente, senza alcuna necessità di ventilazione meccanica. I bambini, di 4 e 8 anni, nel pomeriggio di ieri sono stati visitati anche dal Pediatra che conferma il loro attuale buono stato di salute".

E allora da Teramo ci trasferiamo a Brugherio.

Come vi avevo già scritto nei giorni scorsi, quando c'è un caso accertato di coronavirus l'autorità sanataria verifica gli ultimi contatti del paziente con le altre persone e valuta il da farsi.

E' per questo motivo che ieri mattina sono stato contattato dalle autorità sanitarie, che mi hanno chiesto di recuperare dalla scuola frequentata dai due bimbi i nomi dei loro compagni di classe.

Ho trasmesso questi nomi ad ATS, che ha iniziato a contattare le famiglie coinvolte, dicendo loro una cosa molto semplice: ATS chiede alle famiglie di controllare la febbre ai bambini da qui a venerdì, termine ultimo dei possibili 14 giorni di incubazione del coronavirus (venerdì 21 febbraio è stato l'ultimo giorno di scuola, poi i bimbi non si sono più visti insieme).

Attenzione: ATS non ha messo nessuno in quarantena, non ha detto ai genitori di stare a casa, non ha chiesto di avvisare tutte le persone che le famiglie hanno incrociato in questi giorni!

I soli soggetti da controllare sono i bimbi che, come giustamente ha detto ieri una mamma coinvolta, "non sono agli arresti, con le giuste cautele potrebbero pure uscire di casa", ovviamente stando attenti ai luoghi affollati.

Ovviamente non serve sapere la classe, la scuola, la zona di Brugherio etc... esattamente per il motivo che vi ho scritto: le altre classi della scuola non sono state contattate, le altre famiglie non sono coinvolte e la questione riguarda solo chi riceverà una telefonata da ATS e nessun altro.

E quindi, ancora una volta, ribadisco il solito concetto: la situazione è sotto controllo, non coinvolge l'intera città e tutti noi non dobbiamo fare nulla di diverso da quello che vale per tutta la Lombardia e che vi ho descritto nelle slide di ieri.

Solo un ultimo appunto: avrei voluto darvi questa informazione solo una volta che i genitori coinvolti fossero stati tutti avvisati da ATS (mi risulta non sia ancora riuscito a farlo, perchè dovete immaginare il numero complessivo di casi che stanno seguendo...).

Ma ho voluto anticipare questo post perchè ovviamente nelle chat delle mamme e della scuola la notizia gira da ieri pomeriggio e per evitare che parta un allarmismo inutile.

Il Sindaco



Aggiornamento 02 MARZO ore 18.00

Dopo la sintesi veloce di ieri sera e gli approfondimenti fatti oggi, sia a livello comunale che in collegamento con gli altri enti ed autorità, sono in grado di presentarvi le slide che vi illustrano in maniera (spero) chiara e sintetica i contenuti del DPCM firmato ieri dal Presidente Conte.
 
C'è un solo punto, ancora da chiarire, che riguarda lo sport, sul quale vi aggiornerò entro mercoledì.
 
Qui potete scaricare le silde:  CORONA VIRUS:le slide del DPCM

Grazie e buona lettura!

Il Sindaco
 
 

Aggiornamento 01 MARZO ore 20.40

I CONTENUTI DEL DPCM

Il tanto atteso decreto del Presidente Conte è stato ufficialmente firmato pochi minuti fa.

In attesa delle slide di approfondimento (che vi prometto per domani) vi dico in sintesi quello che emerge dalla lettura delle 15 pagine del decreto.

Una PREMESSA IMPORTANTE: ci sono ancora dei dubbi da chiarire, domani riuscirò ad essere più preciso.

Ma intanto:

- NIDI, INFANZIA, SCUOLE ELEMENTARI E MEDIE: lezioni sospese tutta la settimana (scuole aperte solo per personale ATA e amministrativo)
- ATTIVITA' SPORTIVE: è il punto più in dubbio, ma la prima lettura ci porta a dire che questa settimana è tutto sospeso, sia per le palestre pubbliche, private, centro sportivo, piscina e attività del centro olimpia
- ATTIVITA' COMMERCIALI: bar e ristoranti aperti, garantendo però solo servizio al tavolo e distanza di un metro tra le persone; tutte le altre attività commerciali aperte, contingentando gli ingressi e garantendo la distanza di un metro tra le persone;
- ATTIVITA' CULTURALI E RICREATIVE: restano sospese anche questa settimana; chiusi quindi centro anziani, incontragiovani, sedi delle ex consulte per le attività delle associazione; stiamo invece valutando le condizioni per la riapertura della biblioteca;
- CHIESE: niente Messe come questa settimana, oratori chiusi (la Diocesi farà una valutazione ulteriore domani)

Confermiamo anche per la prossima settimana la modalità di accesso agli uffici comunali che vi abbiamo presentato per la settimana scorsa.

Per ora è tutto; vi prometto una valutazione più precisa di tutto domani, una volta riletto con attenzione il testo del decreto,che se volete potete leggere anche voi qui: https://bit.ly/39cNXaV oppure potete leggere la sintesi che ne fa il Governo, qui: https://bit.ly/2whIS2z

Grazie per la pazienza e la comprensione, buona serata e a domani!

Il Sindaco


Aggiornamento 29 FEBBRAIO ore 19.30

DOMANI IL DPCM CON LE DECISIONI PER LA PROSSIMA SETTIMANA

Ho "rubato" dalla pagina facebook di Regione Lombardia questa foto, che vi mostra la riunione di oggi pomeriggio in teleconferenza tra il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ed i Presidenti delle Regioni d'Italia.
Durante la riunione sono state prese le decisioni per la prossima settimana sulla ripresa o meno di scuole e asili, attività sportive e culturali, riapertura o meno completa delle attività etc.
Nella quotidiana conferenza stampa in Regione, gli assessori regionali hanno confermato che per le notizie ufficiali è bene aspettare il testo del decreto del Governo.
Questo perchè, a differenza della scorsa settimana, non ci sarà un'ordinanza firmata dal Ministro della Salute e dal Presidente della Regione, ma un decreto del presidente del consiglio dei ministri, che ha un valore ancora più forte.
Questo decreto sarà scritto, ci informano, dopo avere consultato il comitato tecnico scientifico, che sta supportando i politici a definire misure che ci aiuteranno a superare l'emergenza e far diminuire drasticamente i contagi.
La certezza, al momento, riguarda solo la scuola, che la prossima settimana sarà SOSPESA: vuole dire che non ci saranno le lezioni, mentre il personale dovrebbe rientrare per programmare la ripresa delle attività.

Sul resto, per evitare equivoci o notizie poco complete, è meglio attendere la lettura del testo del decreto del Presidente Conte.

Quindi direi che per oggi è tutto e ci diamo appuntamento a domani.

Buona serata!

Il Sindaco

 

COSA SUCCEDE OGGI

Buongiorno!

Come sapete, oggi è una giornata importante, perchè arriveranno le indicazioni dal Governo su quello che succederà la prossima settimana.

Ieri la Regione ha chiesto al Governo di "mantenere per un'altra settimana le misure di contenimento già attuate, sia quelle nei comuni della zona rossa, che quelle previste per tutta la Regione". Il Presidente Fontana ha spiegato che la proposta "nasce dopo un approfondito confronto con personalità tecnico scientifiche di grande spessore che possono aiutare a fare chiarezza sulla situazione".

Qualche altra informazione in sintesi, che aggiorna quello che vi ho già scritto ieri:
- se volete approfondire i contenuti delle decisioni della Provincia sulla salvaguardia delle attività economiche potete leggere l'articolo che trovate qui: https://bit.ly/2VykX9C
- se volete invece approfondire i contenuti del primo dei due decreti del Governo sul supporto ai cittadini (questo in particolare vale per la zona rossa) potete leggere l'articolo che trovate qui: https://bit.ly/2I6ou7q

La foto del post è per darvi un'altra informazione importante: vi ho già scritto tante volte in questi giorni che la Regione pubblica spesso aggiornamenti sulla situazione dal sito; da ieri potete leggerli praticamente in diretta se avete scaricato l'app dedicata alla allerte di protezione civile (della quale vi ho già parlato altre volte in questa pagina); qui per saperne di più: https://bit.ly/38a8ZWg

Buona giornata!

PS: anche stamattina buone notizie da Teramo dal nostro concittadino

Il Sindaco

 

 

 

Aggiornamento 28 FEBBRAIO ore 16.00

IL PUNTO DELLA SITUAZIONE

Rieccomi, questa volta per un aggiornamento su tanti temi diversi.

1) LA SITUAZIONE IN ABRUZZO
Vi rimando ad un eventuale successivo post specifico rispetto alla situazione del nostro concittadino ricoverato in Abruzzo. Ma intanto ancora una volta vi ricordo che, nonostante questo singolo caso, NULLA CAMBIA per la nostra città, e di conseguenza non è assolutamente necessario sapere nome, cognome, luogo di lavoro, spostamenti, incontri o altro, perchè queste sono informazioni che stiamo utilizzando solo in collaborazione con le autorità sanitarie.
Il nostro concittadino ha solo bisogno di sapere che l'intera città gli augura una pronta guarigione...

2) IL SUPPORTO ALLE ATTIVITA' ECONOMICHE IN SOFFERENZA
Ieri il consiglio provinciale ha approvato all'unanimità l'ordine del giorno per la salvaguardia delle attività economiche (vi ricordate il mio primo post di ieri mattina?) e stasera si riunisce il consiglio dei ministri che dovrebbe approvare il primo dei due provvedimenti che conterranno misure immediate di sostegno economiche alle aree e ai settori produttivi colpiti dalla diffusione del coronavirus

3) LO SPORT
Ieri finalmente è arrivata una presa di posizione di Regione allineata a quella del Governo, quindi adesso il quadro è un po' più chiaro. Abbiamo in questi giorni tenuto i contatti con le società sportive e da lunedì, salvo diverse decisioni del weekend da parte degli organi superiori, sappiamo come muoverci.

4) IL WEEKEND
Nel weekend quindi vi confermo il mercato di domani mattina, ma solo per i banchi alimentari, vi confermo l'apertura dei negozi e dei centri commerciali (dove però saranno aperti solo i negozi alimentari) e vi confermo la sospensione delle Messe.

5) COSA SUCCEDE SETTIMANA PROSSIMA?
Visto che torna periodica questa domanda, ribadisco la risposta: non lo sappiamo ancora. Anche stamattina è stato confermato che la decisione sulla riapertura delle scuole, degli asili e della biblioteca, sugli orari delle attività commerciali, sulla ripresa degli eventi e tutto il resto sarà presa da Regione e Governo nelle prossime ore (speriamo)

6) FIDUCIA!
Guardiamo anche ai dati positivi: aumenta il numero delle persone guarite e all'ospedale Sacco è stato isolato il ceppo italiano del coronavirus... e si avverte proprio una voglia di ritorno alla normalità, pur mantenendo le dovute attenzioni e precauzioni.

Insomma: «aiutiamoci l'un con l'altro. Insieme ce la facciamo», per dirla con lo spot tv che stiamo vedendo in questi giorni!

Il Sindaco

Aggiornamento 28 FEBBRAIO ore 09.00

GLI AGGIORNAMENTI DALL'ABRUZZO

Come raccontano i giornali locali abruzzesi, ieri sera il secondo test eseguito allo Spallanzani di Roma ha confermato la positività al coronavirus del brugherese che, secondo quanto mi hanno riferito i contatti, ha comunque solo un pochino di febbre ed è vigile. A lui quindi il primo pensiero, con l'augurio che possa riprendersi completamente al più presto!

Il resto della famiglia del paziente (la mogli e due figli) è attualmente in isolamento nella loro abitazione di Roseto degli Abruzzi.

Come vi spiegavo ieri, adesso la procedura prevede il contatto tra le autorità sanitarie abruzzesi e quelle lombarde, che ci faranno avere comunicazioni ufficiali.

Voglio però precisare una cosa da subito: un caso singolo NON prevede l'attivazione di misure più restrittive nella città coinvolta!

Quindi vale il mio solito invito: niente agitazione e continuate (a maggior ragione ora) a seguire SOLO le comunicazioni ufficiali, non i gossip e... diffidate dalle fake news.

 

Il sindaco.

 

Aggiornamento 27 FEBBRAIO ore 16.00

Rieccomi. Facciamo un rapido aggiornamento sulla situazione a questo momento.

1) ROSETO DEGLI ABRUZZI
Sono in contatto con le autorità competenti, che mi confermano che al momento si è in attesa dell'esito del secondo esame; in ogni caso il cittadino coinvolto è in "ottime condizioni", riferiscono le autorità sanitarie abruzzesi in una nota ANSA delle 14.27, mentre moglie e figli non presentano sintomi.
La nostra ATS mi ha confermato che qualora ricevessero comunicazioni dall'Abruzzo, solo allora ci sarebbe una valutazione sul da farsi, non prima.
Quindi ribadisco quello che ho scritto prima: niente ansia e andiamo avanti... e vi ribadisco anche che è inutile fare ipotesi rispetto al luogo di lavoro del nostro concittadino, tanto non serve a niente...

2) COSA SUCCEDE SETTIMANA PROSSIMA
Ribadisco quello che vi ho scritto ieri: al momento non si sa nulla su riapertura scuole, asili etc. Stamattina c'è stato un vertice tra le autorità regionali e tutti i prefetti della Lombardia, al temine del quale è stato comunicato che le decisioni su settimana prossima saranno prese non prima di sabato

3) ATTIVITA' COMMERCIALI
Non ci sono novità su provvedimenti, quindi vi confermo la riapertura dei bar oltre le 18 (solo per il servizio al tavolo), il mercato solo alimentare per sabato (abbiamo avvisato i singoli operatori già da ieri con mail e telefonate), mentre a proposito della lettera dei Sindaci, ho saputo che la Provincia ci lavorerà in maniera unitaria questo pomeriggio

4) ATTIVITA' SPORTIVE
E' in questo momento il tema più complesso, non ve lo nascondo; le diverse posizioni di Regione e Governo non aiutano a decidere. Qui a Brugherio per ora è tutto fermo, fino alla fine di questa settimana, poi vedremo il da farsi.

A più tardi, per eventuali ulteriori aggiornamenti.

Il Sindaco

 

Aggiornamento 27 FEBBRAIO ore 11.20

FACCIAMO CHIAREZZA

Chi sta seguendo questa pagina in questi giorni ha capito quale è lo stile di comunicazione che sto usando per affrontare l'emergenza coronavirus.

Questo stile non cambia neanche di fronte alle notizie che stanno pubblicando i giornali in questi minuti. Ho letto anche io del 50enne bugherese in vacanza in Abruzzo, dove era arrivato venerdì, che risulterebbe positivo al coronavirus.

Ma, se avete letto con attenzione, sapete che "ora si attende il responso dei successivi accertamenti affidati all’istituto Spallanzani di Roma".

E' già successo nei giorni scorsi (vedi a Sesto, vedi il caso di una intera famiglia) che i test successivi abbiano smentito le prime analisi.

E quindi, finchè non avremo notizie certe e finchè non avrò notizie dalle autorità sanitarie (che ovviamente sto contattando) il mio invito resta lo stesso di questi giorni: seguite le comunicazioni ufficiali sui canali comunali e niente panico.

Il Sindaco

 

Aggiornamento 26 FEBBRAIO ore 12.55

Rieccomi di nuovo. Visto che la mattinata è stata ricca di richieste, domande, messaggi e telefonate, provo a fare un riassunto rapidissimo sulla situazione al momento.

1) NESSUN CASO A BRUGHERIO

Voglio ribadire che al momento non ci sono casi a Brugherio!
Evitate quindi di credere al signore che passa per strada, a quello che scrive sui social, alla signora che al supermercato ha detto di aver sentito che forse etc etc etc. Su queste cose non si scherza, quindi non cadete nella trappola delle fake news.

2) COSA SUCCEDE SETTIMANA PROSSIMA?

Non abbiamo nessuna informazione al momento: le decisioni del Governo e della Regione che vi ho presentato in tutti i post precedenti valgono per ora solo fino a domenica 1 marzo. Cosa succede da lunedì in poi rispetto alla riapertura delle scuole, dei nidi e alla ripresa di tutte le altre attività al momento sospese non ve lo posso dire.

3) SPORT

Sulle attività sportive tra ieri e oggi sono uscite quattro versioni diverse su cosa si può fare o meno; è normale, in una situazione di emergenza, che capiti questo. Ed è per questo motivo che come Sindaci di Monza e Brianza abbiamo chiesto pronunciamenti ufficiali in proposito.

4) ATTIVITA' COMMERCIALI, BAR E ATTIVITA' IN GENERE

Come scrivevo stamattina, sono certamente uno dei settori più penalizzati di questa settimana complicata da gestire. Vi rimando ad un prossimo post con quello che si sta muovendo per chiedere un supporto e un sollievo alle loro fatiche.

5) UFFICI COMUNALI

Vi ringrazio per la pazienza e la disponibilità che state avendo del seguire le indicazioni che vi ho dato sull'accesso agli uffici comunali; continuate così, anche oggi pomeriggio, che è tradizionalmente un momento di forte accesso al Comune.

Da ultimo: come vedete, cerco sempre di scrivervi le decisioni che vengono prese, più che "copiare e incollare" gli atti ufficiali, che spesso sono scritti in termini giuridici complessi.

Quindi: ogni volta che c'è qualche aggiornamento importante lo scrivo e vi informo, non preoccupatevi.

Il Sindaco

 

Aggiornamento 26 FEBBRAIO ore 10.30

Ricordiamo cosa succederà questa settimana per i mercati cittadini.

Sono confermati quelli di oggi, domani e di venerdì al quartiere Sud, al quartiere Ovest e a San Damiano.

Il mercato di sabato vedrà invece la presenza solo dei banchi alimentari, come da disposizioni della Regione.



Aggiornamento 24 FEBBRAIO ore 20.00

 

Come vi avevo promesso, ho cercato di radunare in qualche slide tutte le informazioni, che derivano dall'ordinanza del Governo e della Regione di ieri, dai chiarimenti che sono arrivati da Regione pomeriggio, e dalle conseguenti scelte concrete che abbiamo fatto per Brugherio.

 

 

coronavirus informazioni utili.pdf

 

Buona lettura!

 

Aggiornamento 24 FEBBRAIO ore 14.35

Come vi anticipavo stamattina, ci sono una serie di aspetti relativi all'ordinanza che vanno chiariti, e sto ricevendo mail, commenti e telefonate su alcuni di questi aspetti (dagli orari dei bar ai mercati, senza dimenticare la questione di alcune attività professionali particolari, che prevedono il contatto con il pubblico).

Sembra che tra poco arriveranno ai Sindaci delle indicazioni ulteriori; quindi nei prossimi post vi aggiornerò su tante cose diverse, con un po' di infografiche che sto preparando per voi.

Nel frattempo... una cosa importantissima!

Sappiamo che qualche sciacallo sta tentando di approfittare della situazione, e quindi alcune persone vengono contattate a casa per una proposta di un prelievo con tampone per verificare la positività al contagio del coronavirus.

Ovviamente NON E' VERO e NESSUNO E' AUTORIZZATO AD ENTRARE NELLE VOSTRE CASE. Avvisate subito le forze dell'ordine ed evitate di far entrare qualcuno in casa vostra che vi racconta questa balla.

Mi raccomando... passaparola!

Aggiornamento 24 FEBBRAIO ore 08.25


Facciamo un veloce riassunto di quello che è successo ieri:


- dopo l'incontro dei Sindaci della Provincia in videoconferenza con il Presidente della Regione, la Regione ha emanato l'ordinanza, che contiene una serie di misure per questa settimana, fino a domenica 1 marzo (qui il testo: https://bit.ly/2T7f54o)
- l'idea è semplice: il virus, anche se a livello di vittime è ben al di sotto di qualunque influenza, è però molto contagioso. Per questo motivo a tutti noi per in questa settimana è chiesto di "rinunciare alla socialità" e prevenire le occasioni di affollamento
- di conseguenza, sono scattate una serie di misure, riassunte nella notizia precedente a questa

 

E oggi che succede?

 

Come già scritto ieri, gli uffici comunali oggi sono chiusi al pubblico; ci serve un momento per approfondire al meglio i contenuti dell'ordinanza, farla conoscere ai soggetti che dovranno rispettarla (dalle scuole ai bar, passando per le società sportive e le attività culturali).

 

Continuate a questo speciale sul sito del Comune e, se non lo avete ancora fatto, registrate il vostro cellulare su Alert System, che è il sistema che usiamo per telefonarvi e darvi in diretta le eventuali informazioni importanti (qui per saperne di più: https://bit.ly/2PkrHUD)

 

 

Aggiornamento 23 febbraio 2020 ore 22.25

Eccomi in Comune, di ritorno dalla riunione in Provincia con i Sindaci di Monza e Brianza, in collegamento con la Regione.

Una precisazione iniziale: il Presidente Fontana e l'Assessore Gallera sono stati molto chiari: le decisioni sono prese dalla Regione insieme al Governo, si applicano a tutti i Comuni della Lombardia e quindi NON serve alcuna ordinanza dei Sindaci, che sono stati invitati a non prendere iniziative in autonomia.

Ai Sindaci il Presidente e l'Assessore hanno chiesto una cosa precisa: chiarirvi, come faccio adesso, che l'idea di questa ordinanza è molto semplice: c'è una situazione difficile da gestire, che ci chiede di evitare le occasioni di assembramento, ma che non occorre farsi prendere dal panico, come, ad esempio, "saccheggiare" i supermercati.

Altra precisazione importante: le "regole" fissate valgono fino a domenica prossima, 1 marzo, poi si capirà come andare avanti.

Quali sono le decisioni? Cosa succede a Brugherio, di conseguenza? Ecco una breve sintesi.

SONO CHIUSI:
- nidi comunali e privati, scuole infanzia pubbliche e paritare, scuole elementari e medie, scuola Clerici e Piseri
- piscina, palestre, centro sportivo e attività sportive in genere (partite e allenamenti)
- biblioteca e centro anziani
- bar, pub, discoteche e sale slot, dalle 18 alle 6
- cinema e teatro

SONO APERTI
- centro diurno per persone con disabilità
- cimiteri
- ristoranti
- supermercati
- attività produttive, lavorative e negozi di vicinato;
- uffici pubblici, ambulatori medici, banche e poste
- trasporto pubblico regolare

SITUAZIONI PARTICOLARI
- centri commerciali: aperti, ma gli esercizi commerciali non alimentari all'interno dei centri commerciali saranno chiusi al sabato e alla domenica
- chiese: aperte, ma senza la celebrazione delle Messe; i funerali e i matrimoni possibili solo in forma privata
- oratori: no incontri, iniziative ed eventi
- sospensione di ogni viaggio d’istruzione, sia sul territorio nazionale che all’estero
- mercati cittadini: SOSPESI

L'ordinanza, anche se anticipata da mezzogiorno circa, è stata firmata solo dopo le 20.30, quindi potrebbero esserci tante cose da chiarire e precisare.

E' per questo motivo che domani gli uffici del Comune saranno CHIUSI al pubblico, per darci il tempo di predisporre tutte le risposte alle vostre domande.

Il testo dell'ordinanza lo trovate sul sito della Regione, qui: https://bit.ly/2HP5M3U

Per oggi ci fermiamo qui, e da domani ricominciamo a seguire la vicenda.


- Aggiornamento 23 febbraio 2020 ore 16.15

Come ho scritto due ore fa, siamo in attesa della pubblicazione dell'ordinanza del Presidente della Regione che non è ancora uscita (anche la conferenza stampa del Presidente Fontana che doveva iniziare alle 16 è stata rinviata).

E' chiaro che ci saranno misure molto precise e nette sulla chiusura delle scuole e la sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, e si sa che si sta discutendo anche delle attività commerciali.

Nel frattempo, il teatro San Giuseppe ha sospeso la programmazione di oggi e quella teatrale dei prossimi giorni e le parrocchie, su indicazione della Diocesi, hanno sospeso le Messe da oggi pomeriggio in poi.

Ho ricevuto la convocazione dell'incontro che si terrà alle 19 in Provincia per la videoconferenza con il Presidente della Regione, dove ci saranno fornite tutte le informazioni sulle azioni che dovremo mettere in campo.

Ovviamente vi comunicherò una volta rientrato in Comune quello che ci sarà detto. E resta valido quello che vi ho scritto nei post precedenti su come vi terrò aggiornati.

Ultima info: poiché i centralini 112 sono sovraccarichi per chiamate che non riguardano emergenze sanitarie, Regione Lombardia chiede che tutte le chiamate per informazioni riguardanti il coronavirus siano effettuate al numero verde 800894545.

A più tardi.

Il Sindaco


- Aggiornamento 23 febbraio 2020 ore 15:00 

Con riferimento alle notizie relative all'ordinanza della Regione sulla chiusura delle scuole e dei luoghi di aggregazione, valida per tutto il territorio lombardo, il Comune è in attesa che, come scritto nei comunicati, "il documento, non appena emanato, sarà trasmesso a tutti i Prefetti delle Province lombarde per la tempestiva comunicazione ai sindaci".

Solo dopo la lettura dell'ordinanza sarà possibile rispondere alle domande su scuole, luoghi di lavoro, supermercati, cinema, asili, palestre, piscine, attività sportive e altro.

Vi ricordiamo che le informazioni saranno fornite, oltre che su questa pagina, anche  sulla pagina facebook, sui 4 pannelli posti in piazza Cesare Battisti, Togliatti, Don Camagni e Virgo Fidelis e attraverso le le telefonate a casa e sui cellulari, per chi ha registrato il numero su Alert System.

Avrete tutti compreso che, per la delicatezza della situazione, è importante poter dare risposte certe, solo quando sono ufficiali.


- Aggiornamento 23 febbraio 2020 ore 10:30

Dopo il confronto con la Prefettura di Monza e della Brianza, i Comuni di Monza, Lissone, Macherio, Seregno, Brugherio, Nova Milanese e Villasanta hanno disposto il RINVIO delle sfilate di Carnevale previste per la giornata odierna, in accordo con gli organizzatori delle manifestazioni.

Tale decisione viene assunta a seguito delle direttive ministeriali emanate nella serata di sabato 22 febbraio 2020 e delle relative disposizioni restrittive che interessano tutto il territorio lombardo, volte al contenimento della diffusione dell’infezione da Coronavirus.

Pur non essendoci alcun rischio specifico, è stato ritenuto che, in questa situazione di grande incertezza, dovesse prevalere un principio di maggior tutela della salute nei confronti di tutti i nostri cittadini.

La misura si inserisce esclusivamente nel percorso di azioni coordinate tra gli enti pubblici volte alla cautela ed alla prevenzione.

NON ESSENDO SEGNALATI CASI DI INFEZIONE SUL TERRITORIO, AL MOMENTO NON VI SONO DISPOSIZIONI RESTRITTEVE NEI NOSTRI COMUNI.

Indicazioni e comportamenti da seguire (dal sito di Regione Lombardia)

Che cos’è 
Il Coronavirus identificato a Wuhan, in Cina, per la prima volta alla fine del 2019 è un nuovo ceppo virale che non è stato precedentemente mai identificato nell'uomo. È stato chiamato SARS-CoV-2 e la malattia respiratoria che provoca Covid-19.

Quali sono i sintomi?
Come altre malattie respiratorie, il nuovo coronavirus può causare sintomi lievi come raffreddore, mal di gola, tosse e febbre, oppure sintomi più severi quali polmonite e difficoltà respiratorie.

Cosa fare in caso di sintomi
Coloro che riscontrano sintomi influenzali o problemi respiratori non devono andare in pronto soccorso, ma devono chiamare il numero 112 che valuterà ogni singola situazione e spiegherà che cosa fare. Per informazioni generali chiamare 1500, il numero di pubblica utilità attivato dal Ministero della Salute.

Il nuovo coronavirus colpisce solo le persone anziane o anche i più giovani?
Le persone più suscettibili alle forme gravi sono gli anziani e quelle con malattie croniche come il diabete e le malattie cardiache.

Le azioni attivate
Regione Lombardia ha attivato tutte le misure preventive necessarie e la task force regionale sta operando in stretto contatto con il Ministero della Salute e con la Protezione Civile.

Il decalogo del Ministero

Per approfondimenti

Documenti allegati

Coronavirus:dieci comportamenti da seguire (opuscolo del Ministero della Salute)
Coronavirus: ordinanza n. 22/2020 (chiusura cimiteri, aree cani e divieto utilizzo orti comunali)
Coronavirus: slide dpcm e provvedimento
Coronavirus: informazioni utili
Coronavirus: le slide del DPCM